Caos e code sulle autostrade liguri, Toti: «Ecco la verità su quanto sta accadendo»

«Qualcuno al Ministero ha deciso che si deve fare in meno di tre mesi quel che non si è fatto in trent’anni. Chiederemo che la nostra regione venga risarcita dei danni enormi che sta subendo», ha dichiarato il governatore ligure

Genova. «Dopo una notte in cui molti automobilisti hanno passato ore e ore in coda per le chiusure selvagge dell’autostrada e prima di un pomeriggio in cui accadrà la stessa cosa, credo sia diritto di chi subisce questo disagio sapere cosa succede esattamente».

É un fiume in piena Giovanni Toti, presidente di Regione Liguria, che affida ai suoi profili social un lungo pensiero in merito alla difficilissima situazione che si sta vivendo in queste settimane sulle autostrade liguri.

Code infinite, uscite chiuse, cantieri e restringimenti di carreggiata: la viabilità della Liguria è allo stremo, una situazione non auspicabile soprattutto in un periodo in cui l’economia della regione sta gradualmente ripartendo dopo i duri mesi di lockdown e il turismo estivo è l’elemento chiave di questa rinascita.

«Provo a riepilogare: nell’inverno di quest’anno e a inizio primavera, con disastroso ritardo, Autostrade avvia una serie di controlli su tutte le gallerie della nostra regione. Quando quella serie di controlli, portati avanti con una certa modalità (non ne conosco l’efficacia perché agli uffici di Regione non è consentito intervenire in alcun modo) stava per finire, il Ministero delle Infrastrutture decide due cose. È il 20 maggio!

La prima cosa: che i controlli, nelle oltre 250 gallerie della Liguria non debbano essere fatti come stava facendo Autostrade, ma ricominciare da capo smontando tutte le “onduline” presenti. Seconda cosa: che si applichi rigorosamente una circolare ministeriale del 1967 (quindi di 53 anni fa! E prima nessuno si era accorto che esistesse?!). Tale circolare prevede che i controlli alle gallerie avvengano almeno ogni trimestre. Dunque in tutte le gallerie della Liguria devono essere smontante le “onduline”, controllate ed eventualmente eseguiti i lavori entro metà luglio!

In pratica qualcuno al Ministero decide che si deve fare in meno di tre mesi, dopo il lockdown, all’apertura della stagione turistica, quando l’economia sta ripartendo, quel che non si è fatto in trent’anni. Siccome è chiaro a tutti che ciò è semplicemente impossibile, oltre che pericoloso, visto il numero degli incidenti, i lavori selvaggi dureranno ben oltre luglio. Ma si fa finta di nulla. Perché?

Vi spiego perché: perché nessuno vuole prendersi la responsabilità al Ministero e in Autostrade di decidere quali lavori sono davvero urgenti e quali si potrebbero invece spalmare in un tempo più lungo, magari in stagioni meno problematiche di questa per il traffico. Dunque, in questo scarico di responsabilità, la Liguria resta schiacciata e gli automobilisti intrappolati», spiega il governatore ligure, che prosegue:

«Noi non ci arrendiamo a questa incomprensibile follia: dopo decine di lettere, telefonate, tentativi di riportare tutti alla ragione, domani vedrò sindaci della Liguria e le categorie economiche. Dopodiché firmerò un’ordinanza regionale che dispone appunto di rivedere quel piano di lavori incompatibile con la sicurezza, il diritto alla mobilità, il diritto alla libertà di impresa, un piano folle, anche contro la logica.

Mi auguro che di fronte a questo atto Ministero e Autostrade ci presentino un nuovo piano di lavori, serio e fattibile.
Certo, il Governo potrebbe impugnare la nostra ordinanza, dichiarando che non siamo competenti sulle concessioni autostradali. Spero non lo faccia e non si assuma questa responsabilità.

In ogni caso chiederemo che la nostra regione venga risarcita dei danni enormi che sta subendo. Ecco tutta la verità su quando sta accadendo in questa estate di ordinaria follia sulle autostrade della Liguria», ha concluso Toti.