Vallecrosia, l’amministrazione ringrazia la Protezione Civile: tanto il lavoro svolto nell’emergenza Covid-19

Dal trasporto dei pasti caldi allo stoccaggio della merce in magazzino

Vallecrosia. Oltre a tutti i compiti propri e da sempre svolti egregiamente, i volontari, guidati dal capo squadra Gianfranco Lucà, si sono dedicati al trasporto delle spese alimentari e dei pasti caldi ai tanti anziani non completamente autosufficienti, a chi non poteva uscire di casa perché particolarmente fragile per motivi di salute o in quarantena.

Notevole poi lo sforzo per trasportare e depositare presso i magazzini comunali generi alimentari che i Servizi Sociali stanno poi distribuendo ai più bisognosi e danneggiati economicamente dalla pandemia. Solo il fine settimana scorso la Protezione Civile comunale ha trasportato e consegnato a domicilio 25 pasti caldi preparati dalla Fondazione Casa Rachele Zitomirsky.

L’Assessorato ai Servizi Sociali, coordinato dal vice sindaco Marilena Piardi, intende poi ringraziare, oltre la Protezione Civile comunale, la Fondazione Rachele Zitomirsky e l’Associazione “Il Ponente si muove”; quest’ultima ha finanziato inoltre molti interventi di fornitura pasti e pizze alle persone con più difficoltà economiche, come ad esempio le cinquanta pizze preparate mercoledì sera dal Ristorante Erio di Vallecrosia e consegnate a cittadini in stato di bisogno. La titolare del Ristorante Erio, Anna Tripodi, come peraltro altri suoi colleghi della cittadina, è stata e rimane molto sensibile alle necessità contingenti dovute all’emergenza sanitaria. Tantissimi cittadini hanno in questi mesi dimostrato notevole generosità, anche chi non poteva donare nulla ma anzi avrebbe potuto ricevere talvolta vi ha rinunciato con spirito altruistico affinché altri più bisognosi potessero avere pure la loro parte