Ospedaletti, i Consiglieri comunali di minoranza rinunciano alle retribuzioni per aiutare i cittadini più “bisognosi”

«La pandemia ha messo a dura prova molti concittadini. A seconda degli sviluppi della situazione, tale scelta potrebbe essere prorogata»

Ospedaletti. Tutti i Consiglieri comunali di minoranza di Ospedaletti hanno concordato che per il 2020 non percepiranno le retribuzioni di loro spettanza per il ruolo istituzionale ricoperto ma lasceranno tali somme nelle casse del Comune e, più precisamente, all’ufficio servizi sociali.

«Questa scelta è volta a contribuire agli aiuti economici di cui necessitano i più “bisognosi ” del Paese delle Rose. La pandemia ha messo a dura prova molti concittadini e noi ricopriamo un ruolo istituzionale per amore del nostro Paese e perché nessuno deve essere lasciato solo, soprattutto adesso. A seconda degli sviluppi della situazione, tale scelta potrebbe essere prorogata.

Riteniamo che ciò sia il minimo che le istituzioni possano e debbano fare, in particolare, in piccole comunità come la nostra» – dicono Paolo Blancardi e Maurizio Taggiasco per Ospedaletti per tutti e Valentina Lugarà e Manuel D’Orazio per ViviAmo Ospedaletti.