Imperia, bancarelle chiuse al mercato di Oneglia: gli ambulanti incrociano le braccia fotogallery

Il portavoce Claudio Campanini: «La location non ci piace, chiediamo al Comune l'apertura di un tavolo»

Imperia. Lo avevano promesso e lo hanno fatto: un centinaio di ambulanti, nel giorno della riapertura del mercato di Oneglia, per protesta contro lo spostamento delle bancarelle a causa dell’emergenza Covid- 19 nell’area tra piazzale Maestri del Commercio, via Del Cantiere e banchina Aicardi, hanno incrociato le braccia non esponendo la loro merce.

Serrata ambulanti Oneglia, piazzale Maestri del Lavoro

«Dietro ogni ambulante c’è una famiglia che mangia -dice il portavoce Claudio Campaninila nuova location non è commerciale ed è poco igienica. Chiediamo di dialogare con l’Amministrazione, che venga aperto un tavolo di confronto e le scelte non siano calate dall’alto ma discusse».

Gli ambulanti preferiscono non allontanarsi dal centro cittadino ma il Comune (nessun rappresentante della giunta Scajola stamattina si è fatto vivo) facendosi forza su un sondaggio telefonico molto contestato ha scelto la collocazione decentrata, sul mare.

A proposito delle condizioni igieniche, l’intervento della Teknoservice c’è stato solo passate le ore 9, quando, in condizioni normali, il mercato sarebbe già dovuto essere attivo. Tra le sorprese che gli ambulanti si sono trovati davanti anche un topo morto.