Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Commercio ambulante: dal 18 maggio tornano i mercati a Vallecrosia, Ospedaletti e Diano Marina

Accolte le proposte di ANVA Confesercenti

Vallecrosia. Dalla prossima settimana, si potrà tornare a fare acquisti di abiti, calzature, oggetti per la casa, e altri generi d’uso nei mercati ambulanti. Al momento, per la provincia di Imperia, a riaprire saranno i mercati di Vallecrosia, Ospedaletti e Diano Marina, che si avvarranno delle linee guida che l’ANVA Confesercenti ha indicato, nel pieno rispetto dei dpcm emanati dal governo Conte.

«Se ci saranno nuove direttive alle quali bisognerà adeguarsi – fa sapere l’associazione di categoria – Non mancherà la collaborazione per ottenere il rispetto delle norme. Speriamo che questo segnale di voglia di normalità possa essere dato anche dagli altri comuni. Sottinteso senza rischi per la salute».

Tra le proposte che Anva Liguria per la ripartenza dei mercati in tempi di Covid-19, veniva sottolineata l’importanza del distanziamento sociale e dei tempi di permanenza dei clienti davanti ai banchi. «Risulta fondamentale la collaborazione da parte della clientela a fronte delle procedure che verranno adottate dalle imprese, a cominciare dai tempi di stazionamento davanti ai banchi e dal rispetto delle distanze indicate dalla segnaletica verticale (cartelli) e orizzontale (tracciature a terra)», si legge nel documento.

Tra commerciante e cliente, distanziati da banchi larghi circa 1 metro e mezzo, non sussistono problemi. Vista, invece, la poca distanza tra un banco e l’altro (50 centimetri in media), verrà «inibito lo stazionamento di clienti tra banco e banco, con nastro segnaletico e i colleghi confinanti dovranno alternarsi per accedere al corridoio per rispettare le distanze interpersonali».

E ancora, segnaletica per i singoli banchi: «Proponiamo che ogni operatore debba identificare con una “linea di attesa” a terra distante almeno un metro dal fronte lineare della sua autorizzazione per evidenziare la distanza che il cliente servito dovrà avere dai clienti in attesa».

Per quanto riguarda i dispositivi di protezione individuale, ogni operatore del marcato utilizzerà mascherina e guanti (o gel igienizzante). Ritenute invece impraticabili soluzioni con barriere di plexiglass o altro «perché difficili da trasportare e con evidenti problemi di istallazione smontaggio nel contesto delle plance».

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.