Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pasqua al tempo del coronavirus, con i menù contadini a domicilio per non rinunciare alla tradizione ligure foto

Tutorial di ricette locali per scoprire e apprezzare la tradizione legata a questo periodo dell’anno

Genova. «Quest’anno non vale il detto “Natale con i Tuoi e Pasqua con chi vuoi” ma, nonostante le famiglie saranno costrette, giustamente, a passare la Pasqua tra le mura domestiche, non rinunceranno a cercare soddisfazione nel cibo, sia con le preparazioni in cucina sia a tavola dove verranno investiti, a livello nazionale, 1,1 miliardi per prodotti tipici, vino e ingredienti delle ricette tradizionali. In aiuto delle famiglie liguri arrivano i cuochi contadini che proporranno “menù a domicilio” e, per chi invece vuole cimentarsi tra i fornelli, tutorial di ricette locali per scoprire e apprezzare la tradizione legata a questo periodo dell’anno».

È quanto afferma Coldiretti Liguria su dati Coldiretti/Ixe’ per il pranzo di Pasqua al tempo del coronavirus, l’emergenza sanitaria che sembra, in questo caso, aver cambiato solo in parte le abitudini degli italiani che non vogliono rinunciare ai piaceri del palato, anche se si fa sentire la chiusura al pubblico di ristoranti, trattorie e agriturismi con un taglio del 27 per cento della spesa complessiva per il pranzo di Pasqua degli italiani.

Gli agriturismi di Campagna Amica Terranostra si impegnano per rendere più piacevole la giornata delle famiglie liguri, consegnando il pranzo pasquale direttamente a casa, con menù tramandati da generazioni nelle campagne, che comprendono, ad esempio, Panissa Fritta, Lasagne alla Portofino, al Pesto o al Tucco, Torta Pasqualina e, grazie alla cooperazione con le imprese ittiche locali, il famoso Brandacujun (stoccafisso mantecato alla ligure) e le Seppie in Zimino, in un connubio di mare e terra intramontabile per la regione. E non mancherà la solidarietà con l’iniziativa Spesa Sospesa, con la quale i cittadini potranno dare la possibilità di offrire prodotti del territorio ai più bisognosi.

E per chi volesse provare a creare il proprio menù di Pasqua, ci sono i segreti svelati della campagna, per realizzare ad esempio la classica Torta Pasqualina Genovese e i “dolci della nonna” come, ad esempio i canestrelli pasquali liguri, cestini intrecciati di pasta frolla, con al centro o sui bordi delle uova talvolta colorate.

“L’emergenza sanitaria – afferma il Presidente di Terranostra Liguria Marcello Grennanon piega lo spirito e la voglia di rendersi utili dei nostri imprenditori e dei cuochi contadini associati a Terranostra – Campagna Amica Liguria, i quali continueranno a cucinare per i liguri, nel rispetto delle tradizioni e della stagionalità, con menù realizzati tipici della tradizione. Ad emergenza finita aspetteremo tutti nei nostri agriturismi ma, per ora, saremo noi ad entrare nelle case con i nostri prodotti d’eccellenza e la tradizione contadina della Liguria che non conosce freni: la campagna e i nostri imprenditori non si fermano».

«L’obiettivo che ci siamo prefissati – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossaè garantire a tutti una tavola di Pasqua “apparecchiata” a casa direttamente dalla campagna, con prodotti freschi e di qualità nell’ambito del #MangiaItaliano a difesa del Made in Liguria, del territorio, dell’economia e del lavoro. E anche per questo, per i liguri che si cimenteranno nella realizzazione dei propri piatti della festa, consigliamo di utilizzare prodotti a km0, sani e genuini, di qualità garantita, acquistati direttamente dai produttori locali, in modo di essere inoltre sicuri di stupire i propri commensali».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.