Coronavirus, esposto in Procura a Imperia per morte donna in RSA

Aperto fascicolo contro ignoti

Imperia. La figlia di una donna di 85 anni, deceduta in una residenza sanitaria assistita di Imperia e poi risultata positiva al coronavirus, ha presentato un esposto in Procura per far luce sulle cause che hanno portato alla morte della madre.
L’anziana, che stando a quanto dichiarato dai familiari, soffriva di Alzheimer ma non aveva altre patologie pregresse, è spirata l’8 aprile scorso.

Il 6 aprile, a causa di una febbre a 39° e di insufficienza respiratoria, la donna era stata ricoverata all’ospedale di Imperia, da dove era stata poi dimessa, il giorno successivo, con la diagnosi di “polmonite”. Solo il giorno del decesso la figlia ha avuto dall’Asl1 imperiese il risultato del tampone: l’anziana era positiva al Covid-19.

Sul caso il procuratore capo Alberto Lari dichiara: «Abbiamo acquisito le cartelle cliniche della defunta. Al momento, però, non ci sono ipotesi di reato ed è stato aperto un fascicolo contro ignoti. Si tratta soltanto di una acquisizione tecnica per consentire di effettuare delle verifiche preliminari». La salma dell’85enne è a disposizione dell’autorità giudiziaria per accertamenti.