Quantcast

E’ morto Ampeglio Verrando, il cordoglio del Parmurelu d’Oru di Bordighera

Il ricordo di Gisella Merello, presidente della Giuria del Parmurelu d’Oru

Bordighera. «Con immenso dolore abbiamo appreso della scomparsa del nostro caro Ampeglio Verrando, uomo di profonda cultura e di generosa disponibilità, che per alcuni anni ha presieduto la giuria del Parmurelu d’Oru. Per rispetto alla volontà della famiglia rendo pubblico il nostro cordoglio solo a funerali avvenuti» – fa sapere Gisella Merello, presidente della Giuria del Parmurelu d’Oru.

«Conoscevo personalmente Verrando già da ragazza, essendo amica della figlia Marilena. Inoltre, per i miei studi sulla storia di Bordighera mi sono avvalsa dei suggerimenti di Ampeglio che, grazie alla sua precisa conoscenza del territorio, mi svelò nuovi approfondimenti da seguire.

La sua memoria storica insieme all’accurato lavoro scientifico della moglie, Anna Maria Ceriolo, si sono sempre potuti considerare cardini e riferimento per lo studio di Bordighera. Ma fu però proprio grazie al Parmurelu che i nostri legami diventarono più stretti, quando, nel 2007, venni chiamata a far parte della prima giuria dall’ideatore del premio, Romolo Giordano, e dall’allora associazione culturale Descu Rundu.

All’epoca il presidente era proprio Ampeglio Verrando, con il quale consolidai la conoscenza personale e instaurai da subito un ottimo rapporto. Io ero la più giovane e inesperta del gruppo, lui il più anziano e il più preparato su ogni dettaglio e su ogni personaggio della città, essendo stato per molti anni segretario del senatore – nonchè sindaco bordigotto – Raul Zaccari. Ampelio mi prese in simpatia e io ne fui lusingata. Mi chiese di accompagnarlo in varie occasioni per sondare alcuni potenziali candidati e, in queste circostanze, ebbi modo di ammirare e apprezzare la sua discrezione e la sua educazione nel rapportarsi con le persone.

Sotto la sua guida venne steso il regolamento per l’assegnazione del Parmurelu d’Oru, preparato un lungo elenco dei personaggi più distinti della città e nominati i primi tre premiati: la professoressa Mara Lorenzi, il manager sportivo Daniel Audetto e il floricoltore Ugo Ronco.

Ad un certo punto, purtroppo, nel 2010, si dovette dimettere dal suo ruolo di presidente della giuria per problemi di salute e, inaspettatamente, venni scelta per sostituirlo. Ampeglio si rese disponibile ad essere consultato e, su alcune questioni spinose, il suo saggio parere fu sempre un prezioso supporto per Romolo Giordano e per me.
È un grande onore ricoprire quella che fu la sua carica» – dice Gisella Merello, presidente della Giuria del Parmurelu d’Oru.

(Nella foto da sinistra si vede Anna Maria Ceriolo (moglie), Ampeglio Verrando, la figlia Marilena e Gisella Merello)