Coronavirus, M5s: «Cancellare la tassa rifiuti alle microimprese»

«Attivare agevolazioni per finanziamenti bancari per tutte le Pmi liguri»

Genova. «Per far fronte all’emergenza causata dal Coronavirus, questi giorni sono state attuate pesanti limitazioni agli spostamenti di persone e merci sul territorio ligure e nelle Regioni maggiormente interessate dal fenomeno. Va da sé che ora più che mai, le micro, piccole e medie imprese, già pesantemente condizionate dalla congiuntura economica, risentono notevolmente delle suddette misure restrittive. Non a caso, la stessa Confesercenti ha chiesto interventi urgenti a tutela delle imprese liguri: su queste, infatti, l’emergenza avrà indubbiamente una pesante ricaduta. Situazione che potrebbe aggravarsi ulteriormente se l’emergenza dovesse protrarsi nel tempo».

Così, la capogruppo regionale e candidata M5S alla presidenza di Regione Liguria Alice Salvatore e il consigliere regionale Marco De Ferrari, che poi ricordano: «Oltre alle linee guida fornite da Confesercenti Liguria, è importante intraprendere azioni concrete, reali, immediate. Alle imprese familiari, alle microimprese, sospendere, ovvero spostare solo temporalmente un debito non serve a nulla. Ci vuole concretezza: cancellare la tassa sui rifiuti a tutte le imprese familiari e alle microimprese».

«Ancora, attivare agevolazioni per finanziamenti bancari per tutte le Pmi liguri. E inoltre attivare un regime di cassa integrazione in deroga per le aziende colpite, senza limiti minimi di accesso relativi al numero di dipendenti impiegati.

All’assessore competente Benveduti abbiamo dunque chiesto se e come la Giunta intenda predisporre tutte queste misure. Purtroppo, come sempre, abbiamo avuto risposte fumose e vaghe come diminuire le accise per i carburanti nella logistica. Come se togliere qualche centesimo al pieno di un camion o furgone cambiasse la vita alle aziende in ginocchio. Questo accade perché la Giunta ragiona sempre su massimi sistemi, ha perso completamente il contatto con la realtà. O il solito scaricabarile sul Governo che serve come sempre ad eludere le proprie responsabilità. Le imprese, le famiglie, gli artigiani e agricoltori liguri hanno bisogno di aiuto, di soldi veri: ora».