#Sanremo2020, “Non una di meno”: «Davanti al sessismo non un passo indietro» fotogallery

Annunciato uno sciopero per l'Otto Marzo

Più informazioni su

Sanremo. Il movimento “Non una di meno” arriva davanti alla statua di Mike Bongiorno, a pochi passi dal teatro Ariston in via Matteotti, con l’imminente finale del 70° Festival di Sanremo. Decine di donne hanno dato vita ad un flash mob per protestare contro la violenza di genere.

riviera24 - flash mob di "Non una di meno"

Ecco cosa scrivono le organizzatrici a riguardo: «Oggi sabato 8 febbraio abbiamo portato a Sanremo il grido di rivolta delle donne di tutto il mondo contro la violenza di genere, perché il festival di Sanremo, con le sue contraddizioni, è lo specchio del paese.

Sanremo 2020 è stata presentata come l’edizione delle donne, salvo sottolineare e ribadire che il valore delle donne sta nella bellezza e nella capacità di stare un passo indietro agli uomini; un’edizione che ha ospitato il potente monologo di Rula Jebreal, ma anche cantanti che hanno usato l’apologia della violenza sulle donne per vendere i loro dischi. Queste contraddizioni dimostrano come nella struttura sessista della società si siano aperte delle crepe attraverso le quali può passare una differente rappresentazione della violenza, del rapporto tra i generi, un differente linguaggio.

Da 5 anni, in tutto il mondo è tornato nelle strade un movimento che vede protagoniste le donne e tutte le persone ribelli alla norma eterosessuale. Questo movimento ha aperto le crepe e noi siamo qui per mostrare la sua natura, che è motore di cambiamento: è la lotta, che determina la presa di coscienza, che rende possibili al Festival le parole di Rula Jebreal come l’esibizione gender-fluid di Achille Lauro. La lotta, che spesso non garba ai media, e che determina la rivoluzione della mentalità collettiva e realizza cambiamenti concreti. La nostra strada continua e la prossima tappa sarà lo sciopero femminista dell’8 e 9 marzo.

Scioperiamo perché vogliamo parità salariale e un salario minimo europeo. Perché vogliamo un welfare inclusivo e universale che non discrimini, vogliamo più soldi per i Centri Anti Violenza femministi e consultori laici. Perché vogliamo l’abrogazione dei decreti sicurezza, un permesso di soggiorno europeo e la cittadinanza a chi nasce e cresce in.Italia.

Davanti alla violenza di genere non faremo un passo indietro fino a che saremo, finalmente, Non Una di Meno! «Un violador en tu camino» è una performance collettiva creata dal collettivo femminista “Las Tesis” di Valparaiso (Chile) per manifestare contro gli abusi e le violenze sulle donne avvenute nel contesto delle proteste che da ottobre 2019 attraversano il Cile. “Un violador en tu camino” è stato rappresentato per la prima volta il 18 novembre 2019 a Valparaiso davanti al commissariato dei “Carabineros”. Dal 25 novembre 2019 si è diffuso in tutto il mondo, dove i collettivi femministi lo hanno tradotto e realizzato per accompagnare le proteste contro i femminicidi, la violenza di genere e il sessismo».

 

Più informazioni su