Quantcast

Pista ciclabile, i capigruppo di maggioranza a Imperia al Centro: «Sarà più lunga»

«Dire che la pista ciclabile che verrà realizzata è la stessa pensata in origine è tuttavia una fregnaccia. Sono stati inseriti una pista parallela per la navetta ecologica, un punto panoramico, un ascensore e una passeggiata a sbalzo»

Imperia. «Guido Abbo in campagna elettorale annunciava di aver risanato il bilancio. La Corte dei Conti ha dimostrato il contrario. Diceva di aver trovato le risorse per riaprire il Cavour. Ma erano solo una piccolissima parte di quelle necessarie. Solo ieri diceva che il sindaco Scajola tifasse per l’impianto di itticoltura. I fatti lo hanno smentito solo poche ore dopo. Che proprio lui oggi parli di fake news è davvero assurdo e quasi comico. La pista ciclabile è un’idea nata durante l’amministrazione precedente grazie a un finanziamento che il governo Renzi ha riconosciuto a tutti i comuni capoluogo di Italia. È un fatto e nessuno si è mai sognato di negarlo» – commentano i capigruppo di maggioranza Claudio Ghiglione per Imperia Insieme, Daniele Ciccione per Obiettivo Imperia e Vincenzo Garibbo per Area aperta.

«Dire che la pista ciclabile che verrà realizzata è la stessa pensata in origine è tuttavia una fregnaccia. Un fake news se Abbo preferisce l’inglese. La ciclabile sarà più lunga (arriverà sino alla Galeazza), è stata inserita una pista parallela per la navetta ecologica, è stato aggiunto un punto panoramico per valorizzare la Torre di Pararola, è stato aggiunto un ascensore che collegherà la pista all’Aurelia, è stata aggiunta una passeggiata a sbalzo dalla Rabina alla Galeazza. Sono fatti innegabili.

Tirare in ballo i funzionari in una controversia politica rende poi l’idea della pochezza politica a cui siamo costretti di assistere. Dal canto nostro non possiamo che apprezzare gli sforzi che gli uffici stanno facendo insieme al sindaco e alla Giunta per realizzare il più grande piano di opere pubbliche della storia recente di Imperia» – commentano i capigruppo di maggioranza Claudio Ghiglione di Imperia Insieme, Daniele Ciccione di Obiettivo Imperia e Vincenzo Garibbo di Area aperta.