Degrado a Bordighera, la dura replica del sindaco: «Affermazioni lesive e non veritiere creano danno a città»

Dal daspo urbano all'ordinanza anti-alcol. Ingenito: «Abbiamo fatto tutto il possibile»

Bordighera. «Ho letto con stupore le affermazioni scritte da un noto ristoratore sulle condizioni di Bordighera». Inizia così la dura replica del sindaco Vittorio Ingenito in merito alle parole profuse sui social riguardo alla situazione di degrado creata da giovani e giovanissimi il sabato sera nel centro cittadino.
Ingenito replica, punto per punto, alle accuse di chi dipinge una Bordighera “malfamata” e riporta l’attenzione su quelli che sono gli strumenti messi in atto dall’amministrazione comunale, insieme con le forze dell’ordine, per contrastare l’abuso di alcol nei giovani.

«Non posso non evidenziare come la mia amministrazione, da quando si è insediata, ha costruito un rapporto di stretta collaborazione con le forze dell’ordine, con i gestori dei locali notturni e con le associazioni dei genitori, proprio per contrastare le attività di spaccio e l’abuso di alcool – dice il sindaco -. L’adozione del daspo urbano, le ordinanze di chiusura anticipata di alcuni locali che arrecavano pregiudizio alla quiete pubblica, la decisione di investire nella video sorveglianza 100.000 nel 2019 ed ulteriori 100.000 nel 2020 va proprio nella direzione di dotare le forze di polizia degli strumenti più idonei per individuare i responsabili. A tale proposito rinnovo la mia stima e fiducia nell’operato del Capitano Ignazio Lorito della Compagnia dei Carabinieri e del Comandante Attilio Satta della Polizia Municipale».

Gli strumenti per limitare i “danni”, insomma, ci sono tutti. A mancare, al momento, sembra essere solo l’educazione impartita in famiglia ad alcuni ragazzi. Ma questo non basta per dipingere Bordighera come una sorta di “Bronx” della provincia di Imperia. «Non posso non evidenziare che affermazioni non veritiere e lesive dell’immagine della Città di Bordighera saranno valutate attentamente dall’amministrazione per eventuali azioni giudiziarie in quanto abbiamo un dovere di tutelare e salvaguardare la nostra immagine turistica da coloro che possono creare un danno», dichiara Ingenito, rammaricato soprattutto dalle parole del coordinatore regionale di Fratelli d’Italia Massimiliano Iacobucci: «Spiace prendere atto delle dichiarazioni di un esponente politico come Iacobucci che dimostra con le sue affermazioni di non conoscere a fondo la situazione della Città; d’altra parte i suoi risultati elettorali nelle comunali e nelle politiche, che lo hanno visto sempre sconfitto, ne sono la prova più evidente».