Quantcast

Coronavirus, il bordigotto Troia bloccato negli Emirati Arabi Uniti: «Siamo in hotel e abbiamo fatto il tampone ora aspettiamo gli esiti»

«Se non abbiamo niente possiamo tornare a casa, in caso contrario dobbiamo restare qui»

Bordighera. Il bordigotto Oliviero Troia è bloccato negli Emirati Arabi Uniti a causa del Coronavirus. «Siamo in hotel e abbiamo fatto il tampone – racconta Olly su Instagram – Sono in stanza con il mio compagno e stiamo aspettando gli esiti del tampone. Se fossero negativi possiamo tornare a casa senza nessun problema, se invece avessimo qualcosa dobbiamo stare qui, non so per quanto tempo, per far sì che tutto passi».

Al momento il bordigotto è chiuso nella camera dell’hotel in cui alloggia, insieme al suo compagno di stanza Davide Formolo, e sta aspettando gli esiti del tampone. «Stiamo bene, ci hanno detto che abbiamo tutto all inclusive in camera perciò meglio di così non si può» – rassicura Olly.

Il giovane ciclista bordigotto da domenica ha corso per l’UAE Team Emirates Supporters, dando il meglio di sé e aiutando come sempre il suo team, le cinque tappe dell’Uae Tour, gara che è stata però sospesa dopo che due membri dello staff italiano di una delle squadre partecipanti al Tour degli Emirati Arabi Uniti si sono dimostrati positivi al Coronavirus, noto come COVID-19. Sono così state prese tutte le precauzioni necessarie, compresi controlli e osservazione delle persone a contatto con i pazienti, per garantire protezione e sicurezza.