Quantcast

Bordighera punta sulla cultura: nel 2020 concorso internazionale di artisti e rilancio dell’ex chiesa anglicana

Cammi tornerà in Arziglia con un percorso espositivo all'interno dei giardini Winter

Bordighera. Un concorso internazionale di scultori, sotto la direzione artistica di professionisti indiscussi del settore, e rilancio dell’ex chiesa anglicana come location di prestigio per accogliere mostre di alto livello. E’ questa la base su cui far partire, secondo l’amministrazione guidata dal sindaco Vittorio Ingenito, il rilancio della cultura a Bordighera già nel 2020. Senza dimenticare l’artista Marcello Cammi, che in Arziglia creò il suo giardino, amato da bordigotti e turisti, e poi distrutto da una piena del rio Sasso.

Concorso internazionale. «Con la collaborazione e sotto la direzione artistica di primari professionisti del settore che vantano collaborazioni con le più importanti gallerie di arte moderna in Italia e Europa, inviteremo tra i 15 e i 20 artisti di una certa fama, con curricula importanti a consolidare le loro capacità. Per tre mesi, a partire dall’inizio dell’estate, le loro opere saranno in mostra nei giardini dell’ex chiesa anglicana» spiega il sindaco. Due le giurie chiamate a votare le opere in concorso: una formata da esperti, l’altra da semplici cittadini che visiteranno l’installazione: la somma delle preferenze porterà a decretare il vincitore del concorso. «Il tutto – aggiunge Ingenito – Si andrà a intrecciare con una serie di incontri ed eventi che coinvolgeranno le altre realtà museali di Bordighera e vedrà la collaborazione dell’Accademia Balbo che seguirà anche allestimento di Agorà».

Le opere di Cammi tornano in Arziglia. Desiderio dell’amministrazione comunale, è quello di valorizzare i giardini Winter, in località Arziglia, allestendo all’interno del parco una mostra permanente con una trentina di opere dell’artista Marcello Cammi. «I giardini saranno sottoposti a videosorveglianza per evitare che le sculture di Cammi possano essere danneggiate o rubate – spiega Vittorio Ingenito -. Il parco diventerà inoltre location per eventi culturali, in modo da essere valorizzato il più possibile».

Chiesa Anglicana. Stop ad esposizioni di ogni tipo all’interno dell’ex chiesa anglicana di via Regina Vittoria. Intenzione della giunta è che l’edificio diventi luogo di esposizione di eccellenza per artisti dalla fama consolidata. A decidere chi potrà esporre nel salone dell’ex luogo di culto sarà una commissione qualificata composta da Carlo Bagnasco, presidente della fondazione Pompeo Mariani, dal direttore pro tempore dell’Accademia Balbo Laura Fiore e dalla storica Gisella Merello. «Saranno loro a dare il nullaosta per l’allestimento delle mostre – avverte il sindaco – Questo non significa che Bordighera non ospiterà più mostre ed esposizioni di persone meno famose: chi vorrà avrà sempre a disposizione altri locali pubblici, come il foyer del Palazzo del Parco». Il ciclo di mostre importanti all’Anglicana inizierà a marzo, con l’esposizione di Alberto Venditti. In quell’occasione verrà presentato il nuovo logo che caratterizzerà la location d’eccellenza.

Gli interventi. Per trasformare l’ex chiesa in un polo museale verrà acquistato un nuovo impianto di luci, del valore di 8mila euro, che servirà per illuminare le opere d’arte in modo da esaltarne le caratteristiche. A bilancio anche nuove pannellature.