Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, all’istituto Colombo incontro sul tema dei bambini soldato foto

Un tema di drammatica attualità e in continuo aumento, nonostante l’ampia legislazione internazionale che ne vieta il reclutamento

Sanremo. Una giornata all’insegna della cultura e dell’attualità quello organizzato dall’istituto Colombo di Sanremo e di Arma di Taggia nell’aula magna gremita di studenti e docenti, in occasione dell’incontro con la dottoressa Michela Berta del Centro Nord/Sud del Consiglio d’Europa su “Le sfide etiche della comunità internazionale nella gestione del fenomeno dei bambini soldato”, all’interno del Progetto “la Responsabilità della memoria”.

Un tema di drammatica attualità quello dei bambini-soldato e in continuo aumento, nonostante l’ampia legislazione internazionale che ne vieta il reclutamento. I bambini continuano ad essere impiegati nei conflitti armati in modo smisurato. Si tratta di un fenomeno complesso, di cui la dottoressa Berta ha analizzato in maniera puntuale le diverse implicazioni: dagli aspetti politico- sociali alle cause strutturali: povertà, malattie e il nuovo modo di condurre le guerre, con il proliferare di armi leggere a basso costo e di facile reperimento e che impiegano i bambini come soluzione low cost.

La prospettiva giuridica è stata particolarmente approfondita attraverso i tre diversi quadri legislativi (diritto umanitario internazionale, diritti umani e diritto penale internazionale) e le risposte date dalla comunità internazionale per combattere il fenomeno e tutelare i minori durante e dopo un conflitto.

La professoressa Melina Caiazzo, organizzatrice della conferenza, sottolinea con soddisfazione la cospicua presenza di studenti che hanno seguito con grande attenzione, intervenendo con osservazioni critiche, e tanto più lodevoli in quanto la conferenza si è svolta in orario extra curricolare.

Tale incontro si inserisce nella riflessione sulla Giustizia che è il filo conduttore del Progetto “La responsabilità della memoria” durante quest’anno scolastico e che vede, come gli anni precedenti, un lavoro in rete tra gli alunni del triennio del liceo scientifico delle scienze applicate del Colombo e gli allievi delle Scienze Umane del Liceo Amoretti di Sanremo, presenti anch’essi al convegno, insieme ai loro docenti.

La realtà ci chiama a non rimanere indifferenti nei confronti delle ingiustizie e, soprattutto, inconsapevoli di quanto accade intorno a noi. In questo senso è un dovere degli educatori e degli insegnanti quello trasmettere la cultura come etica della pace in tutti i suoi aspetti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.