Rivoluzione logistica negli uffici del comune di Riva Ligure, il sindaco Giuffra: «Per rendere più facile l’accesso»

Le operazioni di trasloco e riallestimento sono iniziate la scorsa settimana e sono in procinto di esaurirsi, riducendo al minimo gli eventuali disagi agli utenti

Riva Ligure. Rivoluzione logistica per gli uffici del Comune di Riva Ligure. È in corso, in questi giorni, infatti, la riorganizzazione degli spazi destinati alle varie postazioni operative nel Palazzo Asdente Carrega, sede del Municipio della località rivierasca.

Le operazioni di trasloco e riallestimento sono iniziate la scorsa settimana e sono in procinto di esaurirsi, riducendo al minimo gli eventuali disagi agli utenti e limitando così gli inconvenienti nei servizi erogati.

«Per rendere più facile e semplice la possibilità di accedere agli uffici – commentano il sindaco Giorgio Giuffra ed il consigliere incaricato all’Efficienza della Macchina Amministrativa Rosetta Sabatinoabbiamo deciso di rimodularne la dislocazione. Il concetto seguito – proseguono – è quello di accostare agli sportelli aperti al pubblico, in grado di fornire risposte all’utenza, nuovi spazi che intervengano in modo definitivo sull’aspetto della privacy, soprattutto per settori delicati che, fino ad oggi per necessità, non erano troppo adeguati alla opportuna riservatezza. Stiamo compiendo – concludono Giuffra e Sabatino – un ulteriore passo in avanti di un processo irreversibile che intende avvicinare il palazzo comunale ai cittadini».

Vediamo nel dettaglio la situazione e le nuova dislocazione degli uffici. Al primo piano, i cittadini possono trovare l’ufficio tributi ed igiene urbana (nelle stanze una volta occupate dai servizi demografici) con una doppia postazione, di cui una dedicata al front office, dove è gestita l’interazione con l’utente, ed una seconda nella quale gli utenti hanno la possibilità di trattare riservatamente le proprie pratiche.

Sempre al primo piano, laddove sorgevano gli sportelli del personale tecnico degli uffici lavori pubblici, urbanistica e demanio, i cittadini si possono imbattere nell’anagrafe, nel protocollo e nei servizi cimiteriali. Si tratta della scelta più incisiva dell’intero riassetto logistico, in quanto si tratta dell’ufficio con il maggiore afflusso di pubblico che diventa finalmente raggiungibile direttamente con l’ascensore, abbattendo in toto qualunque tipo di barriera architettonica.

Solo conferme, invece, al secondo piano, dove resistono la sala consiliare, l’ufficio del Sindaco, quello del segretario comunale, ma anche, seppur con spazi più importanti, la ragioneria ed i servizi generali.

Al terzo ed ultimo piano, infine, oltre ai confermati comando di polizia locale e servizi sociali, nasce il nuovo ufficio tecnico, decisamente più funzionale, che consente alla sua parte amministrativa di unirsi al personale tecnico.