Monte Faudo, strada in vetta pericolosa. Danio: «Le compagnie telefoniche contribuiscano al ripristino» foto

«Chiudere il tratto? «Non mi prendo la responsabilità di lasciare mezza provincia senza telefono e internet in caso di guasti»

Dolcedo. Dopo le incessanti piogge delle scorse settimane raggiungere la vetta del monte Faudo   (1.149 metri slm) nel comune di Dolcedo sta diventando quasi impossibile a causa degli avvallamenti, vere e proprie pericolose voragini, che si sono create.

Le segnalazioni arrivano in particolare da escursionisti e cacciatori che denunciano la difficoltà di percorrere l’ultimo tratto e i pericoli ai quali rischia di andare incontro chi, magari non particolarmente esperto di guida “fuori strada”, decidesse di avventurasi fino alla cima anche con un mezzo adatto.

«La strada è alquanto dissestata– ammette il sindaco di Dolcedo Giovanni Danio purtroppo in questo momento abbiamo tante altre emergenze dovute al maltempo. Gli ultimi 300 metri sono veramente in condizioni precarie. Lo so perché io stesso ho un casone nelle vicinanze e mi ci avventuro per battute di caccia. Ci rivolgeremo alle compagnie che gestiscono i ripetitori per avere un contributo, visto che sono loro che hanno tutto interesse a raggiungere la vetta per effettuare le manutenzioni».

C’è chi chiede di chiudere la stradaNon mi prendo la responsabilità di lasciare mezza provincia senza telefono e internet in caso di guasti in quanto la chiusura del tratto impedirebbe ai tecnici di raggiungere i ripetitori», conclude il primo cittadino dolcedese.