Athos Careghi e Agostino Longo sono i vincitori delle due sezioni del contest dedicato al 70° anniversario del Festival di Sanremo

La classifica del contest con i disegnatori che saranno premiati a Sanremo domenica 2 febbraio

Sanremo. Il contest, dedicato al 70° anniversario del Festival di Sanremo, ha registrato la partecipazione di quarantadue disegnatori, che hanno realizzato 85 opere suddivise in due sezioni: la prima in bianco e nero relativamente agli anni dal 1951 al 1976, e la seconda a colori relativi dal 1977 ad oggi.

Insieme ai vincitori domenica 2 febbraio alle 18 presso il Casinò di Sanremo saranno premiati anche i secondi e terzi classificati delle diverse sezioni: Enrico Biondi, Mariano Congiu, Virginia Cabras, Alessio Atrei e Danilo Paparelli. Nella stessa occasione saranno consegnati i premi speciali della giuria a Paola Tosti, Fabio Buffa, Achille Superbi, Armando Lupini e Filippo Loiacono in arte Frango.

In occasione della premiazione domenica 2 febbraio sarà presentato anche il catalogo con una selezione delle opere partecipanti al contest dal titolo “Festival di Sanremo: 70 anni tra sorrisi e melodie” curato da Tiziano Riverso e Claudio Porchia e pubblicato da Edizioni Zem.

Risultati del contest

SEZIONE BIANCO E NERO

Primo posto

ATHOS CAREGHI opera “Sanremo 1952”

Secondo posto

ENRICO BIONDI opera “Volare”

Terzo posto

MARIANO CONGIU opera “Canzoni da bagno”

Premi speciali della Giuria

a PAOLA TOSTI per la ricerca storica

a FABIO BUFFA per la miglior battuta

SEZIONE COLORI

Primo posto

AGOSTINO LONGO opera “Cari amici vicini e lontani”

Secondo posto

VIRGINIA CABRAS opera “Apparenza”

Terzo posto parimerito

ALESSIO ATREI opera “Cambieremo Sanremo”

DANILO PAPARELLI opera “Preghiera a San Remo”

Premi speciali della Giuria

ACHILLE SUPERBI opera “Gino Paoli” come migliore per caricatura

ARMANDO LUPINI opera “Sanremo … un film porno” per la miglior battuta

FILIPPO LOIACONO opera “Il rutto” per la migliore freddura

Premio speciale Morenews

GIOVANNI BEDUSCHI opera “Avevo un cuore che ti amavo tanto…”

La COPERTINA