Quantcast

Ventimiglia, la Bocciofila di Roverino festeggia Santo Stefano foto

Nel pomeriggio si è svolta l'assemblea annuale dei soci

Ventimiglia. La tradizionale funzione religiosa alla Bocciofila di Roverino è stata celebrata nella mattinata del 26 dicembre dal parroco don Mario originario del Perù. Ad accogliere i partecipanti, accanto all’albero di Natale, l’originale presepe ricavato all’interno di un televisore opera dell’artista Romano D’Orsi.

Nel pomeriggio nella sala riunioni della Bocciofila si è svolta l’Assemblea annuale dei soci presieduta dalla signora
Sonia Carraro, segretario Massimiliano Nanu. Il presidente effettivo Costante Vallepiano ha invitato i presenti ad osservare un minuto di raccoglimento in ricordo dei soci deceduti nel corso dell’anno.

Ha fatto seguito la relazione sull’attività sociale 2019, i lavori in corso, la nuova gestione del servizio bar-ristoro, prospettive future con l’intervento di alcuni soci, dell’ex presidente Franco Paganelli ed il dirigente genovese sig. Marini.

Sul piano prettamente sportivo la Bocciofila di Roverino si conferma tra i primi Circoli in Regione con 201 soci,
44 atleti agonisti giovani e adulti. La squadra di promozione inserita nel girone B si accinge a disputare le gare
del calendario di ritorno, visibile in bacheca.

Sabato 11 gennaio alle 14,30 è prevista la gara in trasferta a Chiavari, seguita sabato 18 gennaio dalla partita casalinga con la Vadese. Soci e simpatizzanti sono invitati a sostenere i propri beniamini in campo: Giacomo Anfosso, Roberto Ansaldi, Denis Arnaldi, Ncolò Belgrano, Marco Cricca, Luigi Del Bello, Elio Gerbaudo, Gianfranco Milani, Roberto Musso, Vanni Nardi, Adriano Terragno. D.S. Giovanni Siccardi, vice allenatore Sandro Guerra.

Un veglione di S.Silvestro con animazione musicale è previsto alla Bocciofila per il 31 dicembre. Per contatti e adesioni tel. (0184)998023. Per sabato 4 gennaio si annuncia una bella festa pomeridiana per l’inaugurazione della nuova struttura con i gestori del servizio bar-animazione Giorgio e Giovanni.
«Auguri e ad maiora!!!» – dice Eduardo Raneri.

(Foto di E. Raneri).