Pieve di Teco, il gruppo di minoranza “Pieve Bene Comune”: «Maggioranza in perenne confusione»

«Sono stati revocati i due regolamenti di Polizia Urbana e Locale approvati appena quattro mesi fa»

Pieve di Teco. «Nel Consiglio Comunale di venerdì scorso sono stati revocati i due regolamenti di Polizia Urbana e Locale approvati appena quattro mesi fa. Il gruppo di minoranza “Pieve Bene Comune” li aveva bocciati e chiesto il ritiro, perché totalmente insensati per la nostra realtà. La maggioranza, senza esitare, li aveva approvati, irridendo il nostro atteggiamento» – fa sapere “Pieve Bene Comune”.

«Da troppo tempo gli uffici sono costretti ad inseguire le giravolte di un’amministrazione in perenne confusione, che crea solo burocrazia, incapace di fare emergere e favorire le potenzialità del territorio. Un vuoto che dura da anni, aggravato dalle iniziative insensate che noi puntualmente denunciamo e che portiamo all’attenzione dei consiglieri comunali. Lo facciamo con le interpellanze al Sindaco, nelle sedute di Consiglio. Purtroppo tutto inascoltato.

Il nostro atteggiamento è stato sempre propositivo. Siamo convinti che il territorio ed in particolare il nostro centro storico abbia delle potenzialità e possibilità ma, purtroppo, nulla di concreto viene fatto in tal senso. Noi ci crediamo fermamente, ma per cambiare rotta ci vuole una presa di coscienza ed un forte scrollone!» – dichiarano per il Gruppo consiliare “Pieve Bene Comune” i capogruppo Renzo Brunengo, Franco Roggero e Camilla Molinari.