Danni maltempo, Donzella: «Sedici zone colpite a Sanremo tra frane e smottamenti. Situazione più problematica in valle Armea» foto

Per quanto concerne la difficile situazione di Borello, Bevino e San Romolo occorrerà intervenire con importanti lavori di ripristino e messa in sicurezza idrogeologica dell’area colpita da ben quattro frane

Sanremo. Dopo tre giorni di emergenza con una mobilitazione generale delle squadre di primo intervento, dipendenti comunali e ditte incaricate in somma urgenza, anche stamattina tutti gli uffici tecnici comunali si sono mobilitati sul territorio per affrontare le criticità legate ai danni del maltempo.

Per quanto concerne la difficile situazione di Borello, Bevino e San Romolo, dopo aver riaperto al transito strada Senatore Ernesto Marsaglia grazie agli interventi in somma urgenza iniziati già nella serata di venerdì e proseguiti tutta la notte e il giorno dopo, occorrerà intervenire con importanti lavori di ripristino e messa in sicurezza idrogeologica dell’area colpita da ben quattro frane.

Al momento la situazione più problematica è quella dell’alta Valle Armea, come conferma l’assessore ai Lavori Pubblici Massimo Donzella: «Stamattina abbiamo fatto un sopralluogo con il dirigente Burastero e gli ingegneri comunali. La piena dell’Armea ha portato via quasi quaranta metri di strada, scavando anche sotto la porzione di carreggiata rimasta. La situazione è estremamente complessa perché è richiesto un intervento molto ampio, certamente non semplice, e di grande urgenza: la viabilità va riaperta il prima possibile perché la strada è percorsa ogni giorno dai mezzi delle numerose ditte che hanno sede proprio nella parte alta della Valle Armea».

I danni sono così estesi che è perfino difficile fare una stima: «Stamattina gli uffici hanno calcolato sedici zone colpite tra frane e smottamenti, e solo considerando le criticità principali. Ma il quadro è in continua evoluzione, basti pensare che stiamo analizzando la foce del San Romolo, nella parte terminale dello scolmatore, perché risulterebbe anch’essa danneggiata dalla forza della piena, che ha portato giù dei massi», ha spiegato Donzella. A tutto ciò si vanno ad aggiungere i danni provocati dalla mareggiata, iniziata già venerdì e acuitasi nelle ultime dodici ore.

L’assessore con delega al Demanio Marittimo Mauro Menozzi, che stamattina ha fatto un primo sopralluogo, fa il punto: «Abbiamo criticità estese su tutte il litorale ed una situazione più grave nell’area portuale. I danni vanno tra l’altro a sommarsi a quelli di novembre. Nelle prossime ore faremo un conteggio dei danni più puntuale».