Quantcast

Ventimiglia, le sirene dei vigili del fuoco suonano per i tre colleghi morti a Quargnento

Le vittime: Matteo Gastaldo (46anni), Marco Triches (38) e Antonino Candido (32)

Ventimiglia. Le sirene che suonano, rompendo il silenzio della sera. E’ così che i vigili del fuoco del distaccamento di Ventimiglia hanno reso omaggio ai tre colleghi morti nell’esplosione della cascina di Quargnento, in provincia di Alessandria: Matteo Gastaldo (46anni), Marco Triches (38) e Antonino Candido (32).

ricerche disperso vigili del fuoco gouta

I fatti. Secondo quanto ricostruito fino a ora, per fare saltare in aria la cascina di Quargnento è stato usato un ordigno ‘fai da te’ con un materiale ben diverso da quello utilizzato dalla criminalità organizzata. Sul posto sono stati trovati degli inneschi: collegati ad una bombola inesplosa c’erano dei fili elettrici e un timer. Lo spiega il procuratore di Alessandria, Enrico Cieri che coordina l’inchiesta per omicidio plurimo e crollo doloso. Sui corpi dei tre vigili del fuoco morti, sotto le macerie è stato eseguito l’esame esterno: dai risultati si capirà se sarà necessaria l’autopsia. Oggi gli inquirenti stanno ascoltando altre testimonianze. Per il momento non c’è alcun indagato e tutte le persone sono state ascoltate come “informate sui fatti”.

Tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti che indagano sull’esplosione in cui sono morti i tre vigili del fuoco non si esclude, secondo quanto appreso dall’ANSA, quella di dissidi tra il proprietario dell’abitazione e il figlio, così come la pista legata al risarcimento assicurativo. Al momento, però, viene sottolineato, si tratta solo di ipotesi di lavoro: le indagini proseguono a 360 gradi.

La Procura di Alessandria ha aperto un fascicolo, al momento contro ignoti, per l’esplosione. Omicidio plurimo e crollo doloso di edificio i reati ipotizzati. Sulla vicenda gli inquirenti, che hanno ascoltato i proprietari della cascina e i loro familiari, mantengono il massimo riserbo.

Il proprietario della cascina di via San Francesco d’Assisi è stato ascoltato come persona informata sui fatti. La casa era disabitata e, per un certo periodo, era stata anche messa in vendita. Secondo il procuratore, l’uomo non ha riferito «nulla di significativo se non una mera ricapitolazione dei fatti. Sono tutte informazioni che vanno comparate, bilanciate, esaminate, pesate. Siamo ancora all’inizio dell’indagine: c’è un lavoro di accertamento tecnico, di attività scientifica affidata ai Carabinieri di Alessandria e del Ris di Parma. Stiamo lavorando», ha concluso precisando che sono state sentite anche altre persone.