Ventimiglia, flash mob in consiglio comunale contro adesione comune a forum della famiglia foto

Una sfilata di 'ancelle' dal mantello rosso

Ventimiglia. Un flash mob ha interrotto i lavori del consiglio comunale della città di confine, dove una ventina di donne con un cappuccio di cartone sulla testa e un mantello rosso hanno sfilato in aula per manifestare, in silenzio, contro l’adesione del Comune di Ventimiglia al Forum Ligure delle Associazioni familiari. Adesione che secondo le minoranze non rispetta le famiglie monogenitoriali o omosessuali.

Flash mob consiglio comunale

«Allontanatele, non sono riconoscibili», ha chiesto il presidente del consiglio comunale alle forze dell’ordine. Ma le ‘ancelle’ sono rimaste in aula, in silenzio e con il capo chino. E il consiglio comunale è ricominciato regolarmente.

A spiegare il flash mob è stato il consigliere di minoranza Massimo D’Eusebio: «Sono le ancelle del libro di Margaret Atwood (Il racconto dell’ancella, ndr) – ha detto – Sono l’emblema di uno stato dispotico, maschilista, dove le ancelle vengono stuprate ogni mese per riprodursi. Rappresentano la dominazione dell’uomo sulla donna».

«Facciamo che le idee di questo libro rimangano solo sulla carta e non si spargano nella nostra società», ha detto D’Eusebio, chiedendo, con una mozione, che il Comune ritirasse l’adesione al forum.

La mozione è stata respinta, ricevendo i voti favorevoli dei soli consiglieri di minoranza presenti: Massimo D’Eusebio, Enrico Ioculano, Domenico De Leo e Federica Leuzzi. Contraria la maggioranza.