Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Renki dojo Aikido Vallecrosia si allena con Steven Seagal alla Masterclass del Budo Festival Internazionale di Mosca fotogallery

«Abbiamo rappresentato la provincia di Imperia e avuto l'onore di conoscere l'attore e cintura nera 7° Dan Aikikai Tokyo - dice il maestro Roberto Bulzomì - ci ha dato tantissimo sia a livello aikidoistico che a livello umano»

Vallecrosia. Il maestro Roberto Bulzomì, cintura nera 5° Dan Aikido Aikikai Tokyo, responsabile del Renki dojo Aikido Vallecrosia, affiliato all’Aikikai d’Italia, ha partecipato insieme a due suoi allievi, Daniele Dito 3° Dan e Angela Morgante 2° Dan, alla Masterclass internazionale di Aikido “Steven Seagal International Budo Festival” di Mosca, andata in scena l’11, il 12 e il 13 ottobre in Russia. Un’occasione unica per il Renki dojo Aikido Vallecrosia, che ha rappresentato la provincia di Imperia, e ha avuto l’onore di allenarsi con un maestro shian di aikido d’eccezione: Steven Seagal, cintura nera 7° Dan Aikikai Tokyo nonché attore di fama mondiale. Insieme a lui c’era anche il Gran Maestro di Wing Chung Samuel Kwok.

riviera24 - Renki dojo Aikido Vallecrosia

«Abbiamo avuto l’onore di essere stati scelti – spiega Roberto Bulzomì – Avevamo mandato una richiesta per poter partecipare alla Masterclass e ci hanno scelto per la nostra preparazione, che ha un livello alto grazie a maestri e tecnici preparati. Abbiamo così rappresentato la provincia di Imperia. Eravamo solo in otto a rappresentare l’Italia, c’erano persone provenienti da tutto il mondo».

I tre rappresentanti del Renki dojo Aikido Vallecrosia, che si allenano presso l’Oratorio Don Bosco in via Col. Aprosio n. 433, hanno avuto così la possibilità di incontrare l’attore, diventato famoso grazie alle sue abilità nel campo delle arti marziali. «Abbiamo avuto l’onore di partecipare al Galà di apertura della Masterclass tenutosi all’Hotel Proton di Mosca, dove alloggiavamo, e la possibilità di stringere la mano e di conoscere di persona il grande Steven Seagal, che si è reso disponibile a posare insieme a noi per foto ricordo e a firmare le nostre cinture nere – racconta Bulzomì – Per me e per i miei allievi, salire sul tatami e imparare una pratica interessante e partecipare ad una Masterclass con Steven Seagal, è un sogno che si è realizzato e che ci ha dato tantissimo sia a livello aikidoistico che a livello umano. Il Maestro Seagal, che è una persona interessante, gentile, disponibile e sorridente, si è complimentato con noi per la nostra preparazione e diverse volte ci ha onorato di poter praticare con lui sul tatami. E’ solo grazie a lui se milioni di persone nel mondo si sono avvicinate all’aikido. E’ un maestro bravo, preciso e gentile. E’ stato un piacere e un onore conoscerlo, mi ha lasciato tanto dentro».

Nell’ambito del Festival si è tenuta una conferenza scientifica e pratica sul modo di sviluppare le arti marziali. A questo prestigioso evento, dove si poteva partecipare solo a numero chiuso e aperto unicamente alle cinture nere, hanno partecipato appassionati di arti marziali provenienti da più di 30 paesi da tutto il mondo. «Oltre ad aver praticato l’aikido, abbiamo anche visto girare scene di un film e assistito a come viene preparato un attore affinché riesca a ripetere i movimenti di aikido sul set. Se dovesse capitare un’altra occasione simile, sarebbe bello poterla ripetere» – dice.

«”Non ho studiato arti marziali per applicarle. Esistono molte tecniche potenzialmente letali. Se devi combattere, allora devi farlo. Ma non ho mai aspirato a questo”, ha detto Steven Seagal – afferma Bulzomì – Siamo rimasti tutti sorpresi dalla capacità tecnica di quest’uomo, è davvero un abile maestro di arti marziali. Putin gli ha anche concesso la cittadinanza ed è stato inoltre nominato ambasciatore del Golden Ring del Regno di Bosporan».

«Ho conosciuto anche il più vecchio allievo del Maestro, che vorrebbe venire in Italia – svela- Cercheremo di organizzare un evento per farlo venire nel nostro dojo affinché possa insegnare e praticare la disciplina insieme ai nostri ragazzi».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.