Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ventimiglia, furti a ripetizione da parte di baby gang. Bottino 8mila euro

Colpiti vari esercizi del centro. Soldi spesi per abbigliamento in Francia

Ventimiglia. Dopo gli episodi di furti commessi da minorenni tra fine settembre ed inizio ottobre, nei giorni scorsi la Polizia di Stato ha individuato e denunciato a piede libero altri minori attualmente indagati per furti e atti di vandalismo nella città di confine.

Nella notte tra venerdì e sabato la squadra volante del commissariato è intervenuta a seguito di segnalazione di movimenti sospetti intorno al Planet Caffè di via Aprosio comunicati alla sala operativa da un cittadino. Giunti sul posto, gli operatori constatavano che ignoti, dopo aver forzato la porta di ingresso e rotto un vetro, avevano rubato il registratore di cassa.

Nel corso della notte si verificano altri due episodi, presso il ristorante Koto ove venivano asportate alcune bevande e presso lo stabilimento balneare Sirena, entrambi in via Girolamo Rossi,  ove i soggetti introdottisi si davano alla fuga non appena scattava l’allarme. Raccolte le denunce e visionate le immagini delle telecamere di videosorveglianza, telecamere sia private che cittadine, i poliziotti, dopo mirati accertamenti, individuavano gli autori. Convocati presso gli uffici del commissariato insieme ai genitori e agli assistenti sociali del Comune, i ragazzi, due 15enni e una ragazza di 14 anni, tutti e tre residenti a Ventimiglia, ammettevano gli addebiti loro contestati e venivano denunciati per furto in concorso.

Nella notte tra lunedì e martedì la pattuglia della squadra volante si recava in corso Genova a seguito di una segnalazione da parte di una guardia giurata. Sul posto gli agenti identificavano sei ragazzi, alcuni dei quali già fermati nei giorni precedenti. Gli accertamenti e i riscontri ottenuti anche dagli stessi ragazzi, sentiti individualmente dagli investigatori, consentivano di ricostruire la dinamica ed accertare tre distinti episodi di furto avvenuti in esercizi commerciali siti in corso Genova (una lavanderia, un parrucchiere e un negozio straniero tipo “bazar”) che, secondo quanto dichiarato dai proprietari,  avevano provocato un ammanco complessivo di circa 8.000 euro.  

Nel corso della perquisizione effettuata, l’altro ieri mattina nell’abitazione di uno dei ragazzi, veniva inoltre trovato hashish per un peso complessivo di circa 30 grammi, suddivisa in sei bustine in cellophane, che a suo dire regalava agli amici. Il giorno dopo il furto i ragazzi decidevano di prendersi un “giorno libero” che hanno trascorso a  Nizza ove, da primi accertamenti, pare che abbiano speso circa 1000,00 euro in abbigliamento acquistato per uso personale della banda.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.