Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremese corsara a Forte dei Marmi, continua la scalata e a -3 dalla vetta

Il gol decisivo lo firma a dieci minuti dalla fine Marco Spinosa su calcio di rigore

Più informazioni su

Con una gara tutta cuore e cervello la Sanremese batte 1-0 il Real Forte Querceta e conquista altri tre punti preziosissimi che la propongono in campionato come la squadra del momento. Il gol decisivo lo firma a dieci minuti dalla fine Marco Spinosa su calcio di rigore.

Per l’indisponibilità del “Necchi Balloni” di Forte dei Marmi, la gara di disputa al “Buon Riposo” di Pozzi di Seravezza. Il Real Forte Querceta ha grande voglia di riscatto dopo la sconfitta di sabato a Chieri. Mister Amoroso (inibito per tre mesi e in tribuna, in panchina c’è il suo secondo Florio) deve rinunciare allo squalificato Bertoni, e agli infortunati Molinaro e Credendino. Tognarelli recupera ed è in campo dall’inizio con una vistosa maschera protettiva al volto dopo l’intervento chirurgico allo zigomo.

Nella Sanremese assenti gli infortunati Lo Bosco e Calderone e Pici, impegnato con la Nazionale albanese Under 19. Maggi convocato, va in panchina, al suo posto in difesa sull’out di destra c’è Scarella.

La Sanremese comincia subito con il piglio giusto e si riversa nella metà campo del Querceta. La prima conclusione però è dei toscani con Falchini che all’11’ calcia sopra la traversa. Al 13’ Demontis serve un pallone d’oro in area a Spinosa, ma il numero dieci biancoazzurro, davanti al portiere De Carlo, si fa chiudere da Tognarelli e non riesce a concludere. Sul capovolgimento di fronte, cross di Maccabruni, sponda di Doveri e testa di Di Paola, Caruso blocca a terra. La gara è molto vivace e combattuta. Le squadre non si risparmiano e si affrontano a viso aperto, alla ricerca del gol.

Al 22’ Scalzi penetra in area dalla destra, ma il suo diagonale termina a lato di poco. Al 28’, su angolo di Demontis, Gagliardini colpisce di testa e Guidi salva sulla linea un gol praticamente fatto. Al 32’ Demontis si accentra e lascia partire una conclusione velenosa che di poco non inquadra il bersaglio. Al 35’, sugli sviluppi di un corner, una girata di destro di Gagliardini termina fuori. Al 40’ altro pericolo costruito dalla Sanremese: Scalzi recupera una bella palla sulla destra e appoggia a Likaxhiu, assist per Demontis, tiro del centrocampista dalla media distanza, De Carlo blocca. Al 43’, su un lancio di Scalzi, Tognarelli di testa, nel tentativo di anticipare Colombi, per poco non combina la frittata: la palla, a De Carlo battuto, termina in angolo. Il primo tempo si chiude sullo 0-0, ma ancora una volta ai punti la Sanremese avrebbe meritato qualcosa di più.

Nella ripresa il Real Forte Querceta opera subito un cambio: resta negli spogliatoi il portiere locale De Carlo che aveva subito un colpo in mischia, entra il numero 12 Manfredi. I bianconeroazzurri pressano più alti e sembrano voler uscire dal torpore. Al 50’ dal limite Di Paola ci prova con un destro velenoso, Caruso compie un autentico miracolo, deviando sulla traversa con la punta delle dita la palla diretta all’incrocio. L’intervento strappa applausi anche tra i tifosi di casa. Al 54’ Ascoli getta nella mischia Pellicanò al posto di Scarella, Likaxhiu arretra in difesa sull’out di destra. Tre minuti dopo Manes rileva Gagliardini non al meglio al centro della difesa. Al 58’ Taddei recupera palla su Lazzarini, Spinosa parte in un coast to coast irresistibile, arriva al limite, ma calcia alto. Al 63’ è Demontis a provarci ancora dai trenta metri, Manfredi respinge in tuffo e salva la sua porta.

Il Real Forte Querceta si fa vedere al 73’: Lazzarini crossa dalla destra, Doveri di testa non riesce ad imprimere forza alla sfera, Caruso blocca. Alla mezz’ora Ascoli e Florio operano altre due sostituzioni: entrano Vitiello e Angelotti, escono Scalzi e Tognarelli. La gara vive una fase di stanca, i ritmi si abbassano, ma la Sanremese resta in attacco alla ricerca del vantaggio. All’80’ la partita si sblocca nel modo che non ti aspetti: su uno spiovente in area il portiere Manfredi, uscendo, anticipa di pugno Pellicanò, ma lo travolge in pieno. L’arbitro Gemelli di Messina, tra le proteste, indica il dischetto. Dagli undici metri Spinosa spiazza il portiere dei toscani. La Sanremese passa meritatamente in vantaggio e assapora la vittoria.

Il gol tramortisce il Querceta che non riesce a reagire. La Sanremese si mantiene in attacco e prima Colombi, poi lo stesso Spinosa potrebbero trovare il colpo del kappaò. Negli ultimi minuti entrano Fazzini e l’ex di turno Fenati, escono Maccabruni e Spinosa. I bianconeroazzurri vanno vicini al pareggio al primo minuto di recupero: sponda di Falchini, Giovannelli in area si gira ma ciabatta a lato. Al 94′ l’arbitro mostra il cartellino rosso a Guidi per un intervento pericoloso e il Real Forte Querceta chiude in dieci uomini. Vince la Sanremese, la rincorsa alle zone alte della classifica continua. Tra campionato e Coppa Italia, per la sesta volta consecutiva, la squadra biancoazzurra mantiene inviolata la propria porta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.