Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, Scajola: «Più facile chiudere tutto, molto più difficile scegliere di lasciare aperto»

Sorride anche l'Imperia che batte allerta e Sestri Levante. Sanremese, invece, "fermata dal provvedimento di Biancheri

Imperia. «È più facile dire chiudiamo tutto perché domani c’è brutto tempo, è molto più difficile scegliere di lasciare aperto».

Il sindaco di Imperia Claudio Scajola motiva su Facebook la sua decisione di non chiudere le scuole in coincidenza con l’allerta arancione che era stato preceduto domenica dalla stessa presa di posizione che ha ha permesso, tra l’altro, la disputa regolare del big match del “Ciccione” tra Imperia e Sestri Levante vinto, tra l’altro, dai neroazzurri con Scajola presente in tribuna.

Diversamente ha fatto il primo cittadino di Sanremo Alberto Biancheri che ha “bloccato” la Sanremese che al Comunale di corso Mazzini avrebbe dovuto ricevere il Borgosesia

«I temporali ci sono sempre stati. Credo si debba evitare ogni volta di drammatizzare troppo, perché si rischia altrimenti di perdere il senso reale del pericolo, che è un bene prezioso. Quanto ho fatto ieri, l’ho fatto dopo aver verificato il quadro climatico che non prospettava nulla di apocalittico all’orizzonte. Nulla che non si potesse controllare con la dovuta attenzione, senza fermare la vita della nostra comunità. So di aver fatto arrabbiare gli studenti che non disdegnavano di passare un giorno a casa, ma penso di aver reso un grande servizio a molti altri cittadini. A coloro che si sono potuti recare al Palasalute ad effettuare esami prenotati da tempo, a chi si doveva recare negli uffici pubblici per i motivi più svariati, a chi semplicemente aveva acquistato il biglietto per assistere alla partita della propria squadra», prosegue Claudio Scajola.

«Siamo chiari – conclude il primo cittadino del capoluogo – se c’è un effettivo pericolo, è giusto chiudere tutto. Ma non era questo il caso. I fatti lo hanno confermato. Ciononostante, abbiamo operato con la massima attenzione. Abbiamo aumentato la vigilanza del territorio durante la notte con più vigili urbani e più volontari della Protezione Civile, che ringrazio per quanto fatto. Tutto è stato organizzato – a partire dalla pulizia dei corsi d’acqua che sta proseguendo in queste ore – affinché si potesse convivere con questo acquazzone. Ci sono stati alcuni allagamenti in punti storicamente critici, ma niente di particolarmente grave. Stamattina – oltre ad attivare le macchine spazzatrici e undici operatori ecologici per la pulizia della città – abbiamo fatto il punto per capire cosa si possa migliorare per il futuro. Ogni difficoltà deve trasformarsi in un’opportunità. Il nostro operato, credetemi,  è sempre volto a garantire la sicurezza dei cittadini. Con coscienza e responsabilità».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.