Vessalico, misterioso svuotamento delle vasche e taglio di condotta acqua: aperta un’indagine

A sporgere denuncia, al momento contro ignoti, è stato il sindaco Paola Giliberti

Vessalico. La vasca di accumulo dell’acquedotto che per tre volte, a singhiozzo ma sempre di notte, si svuota senza una spiegazione. E poi un taglio su una conduttura rimasta scoperta che porta l’acqua in paese. Per far luce su quanto sta accadendo nel piccolo comune dell’entroterra di Imperia, il sindaco di Vessalico, Paola Giliberti, stamani ha sporto denuncia ai carabinieri.

«Per me, gli svuotamenti della vasca sono incomprensibili. Non ci sono perdite, né guasti, né consumi e neppure sofferenza della sorgente che li possano giustificare. E poi avvengono a intervalli: l’ultimo episodio è di mercoledì scorso – spiega il sindaco – Ora siamo costretti a razionare l’acqua, chiudendola di notte, dalle 22 alle 6».

 

Le indagini sono coperte dal segreto, ma l’ipotesi più accreditata è che possa trattarsi di un gesto doloso.