Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, ubriaco cerca di strangolare la moglie. Arrestato dalla polizia

Ora lui è in carcere

Più informazioni su

Sanremo. «Aiutatemi… aiutatemi…». Questo il grido che gli operatori della Polizia di Stato del Commissariato hanno raccolto la scorsa notte. Dall’altro lato della cornetta una donna, con accento straniero, che non riusciva a fornire ulteriori elementi utili dato che la comunicazione di interrompeva. 
Gli immediati accertamenti consentivano in poco tempo di risalire all’indirizzo dal quale proveniva la telefonata.

La Volante, giunta sul posto, si trovava di fronte a un appartamento che sembrava disabitato, ma dopo pochi secondi l’attenzione veniva attirata da grida disperate. Gli operatori si avvicinavano quindi all’unica finestra aperta da dove una donna, in evidente stato di agitazione, riferiva che suo marito l’aveva appena picchiata colpendola con diversi colpi alla testa e al volto e strappandole dalle mani il suo telefonino per impedirle di chiedere aiuto. Poco dopo si avvicinava anche un uomo, che dichiarava di aver avuto un normale litigio con sua moglie e che quindi non c’era bisogno dell’intervento della Polizia.

Preoccupati per le condizioni in cui versava la donna, i poliziotti invitavano ripetutamente l’uomo ad aprire la porta di ingresso e, solo dopo numerosi dinieghi, consentiva loro l’accesso. Mentre l’uomo tentava di minimizzare nuovamente l’accaduto, i poliziotti apprendevano dalla vittima la storia delle violenza subite. Il marito, rincasato due ore prima in stato di alterazione, aveva iniziato ad aggredirla ed insultarla dicendole che l’avrebbe ammazzata, colpendola con violenti schiaffi al viso e colpi alla testa, facendola rovinare al suolo per poi salirle addosso, bloccandola con il suo corpo, stringendo le mani attorno alla gola, con il chiaro intento di soffocarla.

La donna, per difendersi, lo aveva graffiato e morso sulle mani, riuscendo così a liberarsi e rifugiarsi nella camera da letto ove riusciva, in un frangente, a recuperare il cellulare sottrattole e effettuare la chiamata, consentendo l’intervento della Polizia.

Una volta al sicuro, fidandosi del personale intervenuto, esprimeva la volontà di voler denunciare il marito per l’aggressione, stanca della situazione poiché sin dall’inizio della loro relazione, durata circa dieci anni, era stata vittima di violente aggressioni a causa della sua morbosa gelosia. Trasporta al Pronto Soccorso dell’Ospedale per ricevere le prime cure, la donna veniva dimessa con una prognosi per lesione giudicate guaribili in 20 gg; ancora presenti, intorno al collo, i segni delle mani che l’avevano afferrata.

L’aggressore, tratto in arresto per il reato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate, è stato associato al carcere di Imperia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.