Quantcast

Sanremo, la Sinfonica presenta la stagione autunnale che traghetterà l’orchestra verso l’anno dedicato a Beethoven

Si incomincia il 10 di ottobre con un concerto dedicato alla Germania

Sanremo. Dopo la parentesi settembrina che ha visto l’Orchestra Sinfonica impegnata nel concerto finale del primo concorso internazionale RPM e nella rassegna di musica sacra, sostenuta della Diocesi di Ventimiglia-Sanremo, avrà inizio la prossima settimana la stagione concertistica autunnale.

A presentare il nuovo programma della Fondazione culturale matuziana sono stati il presidente Livio Emanueli, il direttore artistico Giancarlo De Lorenzo, l’assessore al Turismo Alessandro Sindoni e quello alla cultura Silvana Ormea.

La serie di eventi condivisa con il nuovo management dell’Orchestra (che ha visto rinnovarsi il proprio Cda), proseguirà l’ ideale viaggio in Europa iniziato ormai nel 2018. «Vorremmo però segnalarne alcuni di particolare importanza – spiega Emanueli: il programma del 10 ottobre, dedicato alla Germania, durante il quale potremo ascoltare due perle della storia della musica sinfonica: il concerto per pianoforte e orchestra di R. Schumann e la terza Sinfonia di J. Brahms.

E poi quello del 7 Novembre con Elisso Gogibedashvili, giovane violinista già nostra ospite durante Ia passata stagione e che anche quest’ anno ci incanterà con il suo talento e le indiscusse doti virtuosistiche. Ascolteremo in seguito Ilian Garnet , price winner del Tibor Varga International Competition in Svizzera (2008), del Queen Elisabeth Competition (2009) e del David Oistrakh llnternational Competition a Mosca, che eseguirà il concerto per violino n. 3 di C. Saint-Saens.

Concluderei questo rapido elenco con la produzione del 5 Dicembre che, che proporrà l’ esecuzione del concerto per pianoforte e orchestra n. 5 di L. V. Beethoven, inaugurando cosi i numerosi appuntamenti che , nel corso del prossimo anno , saranno dedicati al grande maestro del quale il mondo musicale, proprio nel 2020, celebrerà il 250° anno della sua nascita. Non vogliamo però dimenticare altri importanti appuntamenti come quello che vedrà la partecipazione dei migliori allievi del Master tenuto dal M° Uto Ughi, o il concerto del 17 ottobre che sarà inserito nel calendario dei festeggiamenti del patrono della nostra città, San Romolo, e ci proporrà un interessantissimo duo di clarinetti; e ancora iil programma che vedrà sul palco uno straordinario duo pianistico, senza trascurare quelli dedicati alle scuole , sempre vari , interessanti e coinvolgenti e i programmi natalizi con l’ormai consolidato concerto benefico organizzato in coHaborazione con i Club Service. Ricordiamo infine il concerto di Capodanno, che, come ormai consuetudine, sarà interamente dedicato alla famiglia Strauss».