Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, il Comune prova a tirare la cinghia sui costi dell’illuminazione pubblica e Amaie va in perdita

Nel 2012 Palazzo Bellevue chiede alla sua partecipata di ridurre le spese, invano

Sanremo. Palazzo Bellevue prova a tirare la cinghia cercando economie di bilancio nella riduzione delle spese per la manutenzione dell’illuminazione pubblica ma la sua partecipata più importante, Amaie Spa, gestore del servizio, finisce per chiudere i conti in perdita e battere cassa all’amministrazione comunale.

A presentare “l’addition” alla giunta Biancheri è stato il vicepresidente del consiglio di amministrazione della società partecipata Matteo Andracco che, da buon legale qual è, si è appellato alla vecchia convenzione sottoscritta tra Comune e Amaie datata 2002, nella quale era stata stabilita una quota di contributo oscillante tra i 640 mila e i 700 mila euro per la copertura del servizio di manutenzione ordinaria, rinnovo e trasformazione degli impianti di illuminazione pubblica (quindi esclusa la fornitura di energia elettrica, tutt’altro capitolo).

Fu nel 2012, undici anni dopo la stipula dal primo accordo, che l’amministrazione iniziò a lamentarsi per gli eccessivi costi pretesi da Amaie, arrivando perfino a suggerire modalità con le quali poterli ridurre nella misura del 20%. Nel frattempo per esigenze di cassa, Palazzo Bellevue aveva iniziato a “forzare la mano” riducendo lo stanziamento a soli 540 mila, ovvero 100 mila euro in meno del contributo minimo elargito in passato.

Ora i vertici di Amaie chiedono di ritornare ai vecchi tempi. Con una nota, il vicepresidente Andracco segnala che l’azione del Comune è andata ad incidere sui conti dell’azienda partecipata, tanto da mandare la gestione del servizio in perdita di 119 mila euro.

Un “rosso” che la società in house non intende accollarsi e alla quale dovrà pensarci il Municipio, nonostante, in sostanza, un ente sia l’emanazione dell’altro.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.