Parla anche imperiese l’accordo Psi – Renzi: Natta tra i fautori dell’ingresso di “Italia Viva” nel gruppo al Senato

«La prospettiva politica? Noi antitetici ai sovranisti e alle destre più becere», dichiara l'ex presidente della Provincia

Imperia. C’è anche un po’ di Imperia nell’accordo per la formazione di gruppi al Senato tra Psi e “Italia Viva” di Matteo Renzi: l’ex presidente della Provincia Fabio Natta, quale membro della segreteria nazionale del Partito socialista con delega agli Enti locali, infatti, è stato tra coloro che ha concordato il via libera all’intesa.

«La nascita di un nuovo gruppo al Senato dal nome Psi – Italia Viva è figlia di un’intelligente operazione tecnico – parlamentare del segretario socialista Enzo Maraio e del senatore Riccardo Nencini supportati dal gruppo dirigente del partito. Intelligente perché da domani, dopo anni, ci sarà un gruppo che porta il nome del più antico partito italiano. Intelligente perché il nostro senatore non dovrà più muoversi nel “misto” in compagnia dei soggetti più vari, spesso assai lontani, ma in un gruppo targato Psi con compagni quantomeno più affini. Intelligente perché oggi, tutto il Paese si è finalmente accorto che esiste ancora il Partito Socialista Italiano. Se lo merita una grande storia, ce lo meritiamo noi che quella storia l’abbiamo sempre difesa con molta passione e tanto tanto coraggio», ha scritto Natta sulla sua pagina Facebook.

«Prospettive politiche? Restiamo coerentemente dove siamo, nel centrosinistra in un’ area riformista, antitetici ai sovranisti e alle destre più becere», sottolinea Fabio Natta che quindi non sembra non  voler escludere a priori una possibile alleanze con formazioni centriste di anima civica liberale e riformista  in vista delle Regionali 2020.