Quantcast

Imperia, i ragazzi di Radio Progetto a cena ospiti di “zia” Bianca Ammirati foto

Rievocati gli anni formidabili delle radio libere

Imperia. Graziana, “Zia” Bianca, Renato, Federico, Carlo, Eugenio, Diego, Stefano, Luca, Damiano, Nico, Roberto: sono solo alcuni dei collaboratori storici di Radio Progetto emittente nata da nei primo anni Ottanta da Free Costellation tra le prime radio libere in Italia  (siamo nel 1977) e che ha continuato a trasmettere 24 ore su su  primi anni fino al 1987, prima dalla sede di Gorleri, poi nelle Ferriere in via De Marchi.

reunion radio progetto

A due anni dalla scomparsa dell’editore Emilia Ferrari, nome storico dell’editoria imperiese i ragazzi di allora si sono ritrovati con qualche capello bianco in più ospiti del “Giardino di zia Bianca Ammirati” (una storica trasmissione della conduttrice tra i fondatori della radio dedicata ai bambini si chiamava proprio così su suggerimento di una bimba), per ricordare quegli anni formidabili.

«Devo dire -dice Antonello Motosso oggi consigliere comunale –  che sono stati anni meravigliosi, eravamo poco più che ragazzi ed è stato per noi il primo contatto col mondo del lavoro e dell’informazione. Avevamo la possibilità di rivolgerci agli altri, di  farci conoscere, di far conoscere le nostre passioni che all’epoca erano, la musica lo sport, l’ informazione genere era una occasione unica per l’epoca».

«Siamo stati -conclude Motosso –  gli antesignani della domenica pomeriggio sportivo, del tutto calcio minuto per minuto casereccio. Seguivamo le nostre squadre Imperia, Dianese, Sanremese.  Non esistevano i telefonini, usavano normalissimi apparecchi via cavo a e a volte anche a gettoni».