Quantcast
Montalto-Carpasio, in stato di alterazione si mette a sparare nel bosco. Arrestato dai carabinieri - Riviera24
Il caso

Montalto-Carpasio, in stato di alterazione si mette a sparare nel bosco. Arrestato dai carabinieri

Il colpevole un italiano cinquantenne

riviera24 - carabinieri generica

Montalto-Carpasio. Il 7 agosto scorso i carabinieri del locale distaccamento sono intervenuti nella frazione dell’alta Valle Argentina per arrestare un uomo ritenuto responsabile di detenzione di arma da fuoco e ricettazione.

Nel pomeriggio, i militari della stazione di Badalucco, in servizio di controllo del territorio, transitando in una strada in località Poggio di Maro – una zona boschiva – hanno avvertito due colpi d’arma da fuoco in rapida successione, presumibilmente esplosi con una pistola.

Adottate le misure di sicurezza necessarie, hanno individuato una persona di sesso maschile, che dalla distanza sembrava – per l’atteggiamento e l’incedere – in stato di alterazione, che si allontanava per chiudersi all’interno di una struttura prefabbricata: le tracce nella zona circostante facevano presupporre che questi occupasse la baracca da diverso tempo. A circa 100 metri di distanza i carabinieri hanno rinvenuto due bossoli per pistola in calibro 9.

Hanno pertanto allertato la centrale operativa della compagnia di Sanremo che ha inviato sul posto militari della  stazione di Arma di Taggia, della Sezione Operativa del NORM di Sanremo e del Reparto Operativo di Imperia.

Giunti sul luogo con le precauzioni del caso, nel dirigersi verso il capanno hanno scorto sulla strada che conduce ad esso una persona sdraiata, a torso nudo, in stato confusionale: questi era in possesso di una mannaia, lasciata a pochi centimetri dal corpo.

I carabinieri si sono avvicinati immobilizzando l’individuo – un 50enne italiano – che non ha opposto alcuna resistenza.
La successiva perquisizione ha permesso di ritrovare, nelle adiacenze della struttura, una scatola metallica contenente una pistola Walther P.38, in calibro 9, con caricatore e quattro munizioni.

L’uomo è stato arrestato e trasferito – per le cure del caso – all’ospedale di Imperia, dove è sorvegliato a vista. L’arresto, nel pomeriggio di ieri, è stato convalidato.

commenta