Crisi di governo, Claudio Scajola: «Conte risentito ma corretto. Salvini rozzo, ignorante e demagogico»

«Renzi? Equilibrato ma fortunato ad aver parlato dopo Salvini». Per l'ex ministro ora il compito di Mattarella si fa complesso

Imperia. Sta seguendo dal suo studio il dibattito parlamentare sulla crisi, dopo essere stato protagonista in quella stessa aula per tanti anni sotto diverse vesti. L’ex ministro Claudio Scajola stavolta non la tocca piano e commenta: «Il presidente Giuseppe Conte ha fatto un intervento risentito ma corretto sul piano istituzionale. Matteo Salvini, invece, rozzo, ignorante e di un uomo che non conosce le istituzioni pur frequentando da 26 anni il Palazzo. Il suo è stato un discorso senza contenuti, demagogico nel solo suo interesse personale e non per quello degli italiani».

«Matteo Renzi -prosegue il 4 volte ministro imperiese – non si è smentito, mi è parso equilibrato con senso delle istituzioni ma con la fortuna che gli è derivata dal fatto di aver preso la parola dopo l’intervento di Salvini di così basso livello».

Come va a finire secondo lei? «E’ difficile dirlo. Il Capo dello Stato Sergio Mattarella, ora,  ha un compito molto complesso.  la crisi economica si fa sentire impone una soluzione per l’Italia», conclude il primo cittadino del capoluogo.