Quantcast

Sanremo, con Fabrizio Bosso e Mauro Ottolini prosegue il Festival internazionale UnoJazz&Blues

Mercoledì 3 luglio si esibiranno a Villa Ormond con lo spettacolo dal titolo Storyville Story

Sanremo. Dopo il successo degli appuntamenti di aprile e della serata speciale per la recente festa della musica, il Festival Internazionale UnoJazz&Blues prosegue i festeggiamenti per i suoi 10 anni.

Il Festival UnoJazz&Blues è ormai un appuntamento fisso per gli appassionati del genere che arrivano a Sanremo da ogni parte d’Italia e d’Europa, per assistere alla rinomata rassegna che trasforma la città dei fiori nella capitale del Jazz&Blues.

E dopo Stefano Bollani, Raphael Gualazzi ed Enrico Rava, Teo TeocoliePatty Pravo, domani, mercoledì 3 luglio si esibiranno Fabrizio Bosso e Mauro Ottolini a Villa Ormond con lo spettacolo dal titolo Storyville Story, nell’ambito della rassegna Un’estate In Villa 2019.

«Per un’edizione così importante, in quanto la decima – ha spiegato il direttore artistico, Alberto Zeppieri -, pensando di proporre nomi ‘colti’ ma allo stesso tempo ‘famosi’ nell’ambito del jazz e del blues non si poteva che cercare il matrimonio tra l’eccellenza e l’indiscussa popolarità. E’ scattata, quindi, la ricerca nell’individuare chi avrebbe accettato di riservare all’occasione un taglio personale, un concerto unico, personalizzando la propria performancecon qualcosa di appositamente allestito per la kermesse».

Storyville Story è ispirato a New Orleans e al suo immenso patrimonio culturale, ed in particolare al jazz delle origini. Da diversi anni Mauro Ottolini e Fabrizio Bosso pensavano di realizzare qualcosa insieme, e la proposta di Ottolini di compiere un viaggio musicale alla (ri)scoperta di New Orleans è sembrata al trombettista torinese la via giusta. Con Ottolini e Bosso ci sono anche Vanessa Tagliabue Yorke, Paolo Birro, Glauco Benedetti, Paolo Mappa.

Perché Storyville Story? Storyville era il quartiere più “hot” di New Orleans, in cui si concentravano locali notturni, caffè, bische e bordelli. Il jazz dei grandi trombettisti o dei pianisti stride era la sua colonna sonora. Su questo concentrato di eccessi, dove l’America puritana letteralmente spariva, fiorirono ovviamente le leggende. La musica, leggendaria lo era davvero, tra grandi solisti, imponenti cantanti di blues, orchestre di vaudeville, marching band, compositori come William Christopher Handy che scrissero temi che poi tutti avrebbero suonato. Come St. Louis Blues, per esempio.

Storyville Story è la rievocazione in musica di questa epopea, che ad un certo punto finì perché Storyville fu chiusa e completamente ristrutturata, ed anche il jazz, ed i suoi musicisti, emigrarono verso le città del nord. La leggenda, però, continua, e questo spettacolo, attraverso quei brani trascritti e arrangiati da Ottolini, si ripropone di farla rivivere.

Prossimi appuntamenti:

Luglio: Venerdì 5 luglio – Il progetto discografico For North, nato dalla creatività e dall’interpretazione di cinque artisti del jazz in un incontro fra Italia e Norvegia, ovvero, Tore Brumborg al sax tenore e soprano, Mario Piacentini al piano, Roberto Bonati al contrabbasso e Marco Tonin alla batteria, diventerà live sempre a Villa Ormond, anche questo appuntamento nell’ambito della Rassegna Un’Estate in villa 2019.

Ottobre: Giovedì 31 ottobre – La leggenda vivente del Jazz Herbie Hancock sarà protagonista di un live unico e irripetibile presso il Teatro Ariston di San Remo e andrà a chiudere i festeggiamenti per il 10^ anno di vita del Festival Internazionale UnoJazz&Blues. Gli eventi saranno presentati dal conduttore Rai e speaker radiofonico, Savino Zaba, la direzione artistica del Festival è affidata al giornalista musicale Alberto Zeppieri.

Per prevendite e prenotazioni degli spettacoli del 3 e del 5 luglio il numero da chiamare è: 0184 544633.

Ricordiamo, inoltre, che fino all’8 luglio al Forte di Santa Tecla la mostra personale di Max Papeschi dal titolo Game of Walls (prodotta da Kahuna Projecte a cura di Flavia Vago) sarà visitabile gratuitamente (orari 17-22). Il Festival UnoJazz&Blues ha il patrocinio del Comune di Sanremo ed è possibile grazie alla società Unogas – gas, luce ed energia.