Imperia, davanti al Gip il 23enne che ha accoltellato la madre. Il pubblico ministero chiede perizia psichiatrica

Sabato mattina nel carcere del capoluogo

Imperia. Comparirà domani mattina alle 11 nel carcere del capoluogo davanti al Gip Anna Bonsignorio per l’udienza di convalida dell’arresto in flagranza il giovane afflitto da problemi psichiatrici che al culmine di una lite, l’altra notte a Torrazza, ha accoltellato la madre sessantenne colpendola all’addome e tranciandole un dito.

Il 23 difeso dall’avvocato Giovanni Di Meo era stato bloccato dai carabinieri dopo un breve quanto inutile tentativo di fuga.

Il pubblico ministero titolare delle indagini Lorenzo Fornace ha chiesto che con la modalità dell’incidente probatorio venga eseguita sull’indagato una perizia psichiatrica per valutare la sua capacità di intendere e di volere al momento del fatto, la sua eventuale pericolosità sociale e soprattutto la possibilità di affrontare un processo.

E’ molto probabile, quindi,  che il giovane non accetti di sottoporsi all’interrogatorio avvalendosi della facoltà di non rispondere.