Campo sportivo Arziglia a Bordighera, Ramoino: «E’ una discarica a cielo aperto» fotogallery

«Per anni abbiamo deliberato fondi pubblici per ripristinare l'unico spazio in cui i nostri giovani potevano allenarsi e giocare al calcio. Oggi tutte quelle risorse sono andate perse»

Bordighera. Giovanni Ramoino del Gruppo Misto – Bordighera si esprime sul degrado che caratterizza il campo sportivo Arziglia, ex sede del Bordighera Calcio.

«Più volte ho segnalato la spiacevole situazione in cui si trova l’ex campo di calcio in Arziglia; sede del Bordighera Calcio. Abbandonato a seguito degli eventi meteo, per l’impossibilità di ripristinarlo a costi ragionevoli, è stato lasciato a se stesso: divelte le porte d’accesso, aperti i cancelli, in poco tempo si è trasformato in una discarica a cielo aperto.

All’interno rifiuti ovunque, bagni e locali spogliatoio devastati, deposito di ogni genere di mercanzia. Non mancano, sparsi ovunque, pezzi di prato sintetico. Ma anche bombole del gas, residui di pasti; con bottiglie un po’ ovunque.

Le porte dell’ex campo di calcio appoggiate sulla massicciata ferroviaria, senza cavi di sicurezza, sono cadute la scorsa settimana mettendo in pericolo i passanti/bagnanti: gli stessi che le hanno rialzate; ma restano comunque un pericolo per chi transita di fronte. La presenza di giacigli, all’interno dei locali, farebbe pensare anche alla presenza di sbandati. Ho provveduto a segnalarne la presenza alle forze dell’ordine.

Per anni abbiamo deliberato fondi pubblici per ripristinare l’unico spazio in cui i nostri giovani potevano allenarsi e giocare al calcio. Oggi tutte quelle risorse sono andate perse, e quel che resta abbandonato a se stesso dagli attuali amministratori. Ecologisti a parole, menefreghisti nei fatti» – fa sapere Giovanni Ramoino (Gruppo Misto-Bordighera).