Quantcast

Imperia, presentato progetto internazionale di studi dedicato al delfino tursiope foto

Con il contributo della Strescino Srl di Caramagna

Imperia.  Sei giovani provenienti da 4 paesi europei Davide Ascheri, Elena Fontanesi, Sara Moscatelli, Maja KlasènSeverine Renardy eSeverine Renardy, tutti studenti di prestigiose università, sono  i protagonisti di un progetto legato alla biologia marina in collaborazione con la Cooperativa Costa Balenae presentato ieri presso l’azienda Srescino Srl di Imperia.

Nel Ponente Ligure nessun ente di ricerca o fondazione scientifica aveva finora condotto studi focalizzati esclusivamente sul tursiope, in quanto, a causa della morfologia del fondale, gli avvistamenti sono sempre stati più rari e sporadici rispetto al versante levantino.

La piattaforma continentale è, infatti, molto ridotta e a poca distanza dalla costa vengono raggiunte profondità elevate, intorno ai 2000 metri, adatte ad altre specie di cetacei ma non ai tursiopi, che tendono a permanere in acque con profondità non superiori ai 200 metri.

Nonostante queste conoscenze dell’areale della specie, è da notare un interessante cambiamento registra- to negli ultimi anni a Ponente. Infatti, nell’area che va da Capo Noli a Capo Mortola, le segnalazioni di tursiopi da parte di altri enti di ricerca della zona, diportisti e pescatori e gli avvistamenti delle imbarcazioni che svolgono attività di whale watching nella zona, sono quasi triplicati rispetto alle stagioni precedenti e spesso sono stati individuati anche un numero elevato di neonati e cuccioli tra i gruppi di delfini incontrati. È già stato evidenziato che in altre zone con caratteristiche simili alla nostra, quindi non ideali per tale specie, come per esempio la Corsica nordoccidentale, i tursiopi sono comunque regolarmente presenti (Gnone et al. 2011). Se la presenza di un maggior numero di tursiopi rispetto al passato fosse confermata, si renderebbe necessaria l’attuazione di misure di conservazione e protezione di tale specie anche nel Ponente.

Da qui nasce quindi l’idea del progetto-pilota Delfini del Ponente, primo progetto mirato al monitoraggio dei tursiopi nel Ponente Ligure su base annuale, in modo da ottenere dati non solo sulla distribuzione nel periodo estivo, ma anche dei cambiamenti nel corso delle diverse stagioni.