Quantcast

Imperia, accordo Siap e questore Capocasa sulla programmazione dei servizi sul territorio foto

Ma la firma spacca il fronte sindacale della polizia

Imperia. I poliziotti della questura e dei commissariati  potranno contare su un accordo sindacale che definisce i criteri in base ai  quali il questore dovrà informare i sindacati sui servizi di ordine pubblico prevedibili e programmabili effettuati su tutto il territorio provinciale.

Oggi la delegazione del Siap composta dal dirigente nazionale Roberto Traverso, dal segretario regionale Alessandro Dondero e da quello provinciale Bruno Grosso ha, appunto,  incontrato il questore di Imperia Cesare  Capocasa

«Un accordo importantissimo -commenta una nota –  che arriva con ben 9 anni di ritardo visto che il  Dipartimento della Pubblica sicurezza nel lontano 2010 diramò una circolare esplicativa  con la quale definiva già allora tali procedure. Seppur si debbano ancora fare passi avanti sugli orari di lavoro, dobbiamo  riconoscere la concreta e costruttiva disponibilità del questore Capocasa  che ha accolto la richiesta del Siap di aprire al più presto le trattative  negoziali con tutti i sindacati, andando così a sanare anni e anni di vuoto  contrattuale sull’argomento ordine pubblico. Nel dettaglio abbiamo previsto il coinvolgimento delle organizzazioni  sindacali per i servizi di ordine pubblico espletati in orari  particolarmente penalizzanti in modo da esplicitare ed affrontare  costruttivamente le criticità operative che possono gravare sui poliziotti  impegnati nei servizi di ordine pubblico».

«Dobbiamo, invece,  stigmatizzare -prosegue il comunicato –  e denunciare con forte preoccupazione la  scelta di tre sigle sindacali (SIULP, SAP E SILP) che pur accogliendo il  dispositivo complessivo proposto hanno cassato la proposta del SIAP  recepita da questore di ottenere analogo coinvolgimento anche in  occasione di ogni servizio di ordine pubblico che prevede l’impiego di  almeno 10 poliziotti. Una scelta a dir poco incredibile sotto il profilo contrattuale perché  penalizza indubbiamente i poliziotti della questura e dei commissariati  della provincia di Imperia che a causa della miopia di quei sindacati non  potranno contare sul sostegno dei sindacati durante i servizi di ordine  pubblico più complessi e delicati. Incredibile ma vero visto che, lo ripetiamo, il questore ha saggiamente  recepito la proposta del SIAP che pur essendo stata accolta anche da altre  due sigle (FSP e ADP) è stata respinta da sindacati che evidentemente  dimostrano di essere distanti anni luce dalle vere problematiche dei  poliziotti di Imperia e provincia che sono costretti a lavorare sotto  organico, afflitti da un altissima anzianità media, su un territorio  notoriamente critico a causa delle infiltrazioni mafiose».

Il verbale dell’accordo è stato siglato in data odierna ed avrà durata  semestrale sino al 31 dicembre 2019.