Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Taggia, nasce “Misericordia e Solidarietà”: rete nazionale che riunisce 800 associazioni ed un milione di soci volontari

«Vuole essere una contaminazione virtuosa con altre realtà che fanno la stessa nostra attività e che da sempre fanno carità» - afferma il presidente designato Alberto Corsinovi

Taggia. Oltre 800 organizzazioni italiane che riuniscono un milione di soci volontari: sono questi i numeri che caratterizzano “Misericordia e Solidarietà”, la rete nazionale costituita martedì 7 maggio a Firenze presso la sede della Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia.

«Ricordiamo che la Riforma del Terzo Settore (D.Lgs 117/2017) prevede fra i suoi molteplici aspetti la costituzione di reti nazionali e le Misericordie hanno deciso, di essere promotrici di una grande rete nazionale “aperta” che accolga anche altre realtà del mondo del volontariato, dell’associazionismo di promozione sociale e del no profit. L’obiettivo è stato raggiunto con la nascita ufficiale del nuovo soggetto associativo nazionale denominato “Rete Misericordia e Solidarietà”» – fa sapere la Croce Verde Arma Taggia.

«Tra i fondatori, oltre alla Confederazione Nazionale delle Misericordie D’Italia e alle Federazioni regionali costituite, la Croce Bianca Milano con trentasette sedi operative, associazioni aderenti a FVS, Federazione Volontari del Soccorso, che contano circa settanta associazioni e C.i.p.as. (Consorzio Italiano Pubbliche Assistenze) associazione di secondo livello della Liguria presidente della Rete “Misericordia e Solidarietà” è Alberto Corsinovi presidente della Federazione regionale delle Misericordie della Toscana e delegato nazionale Area Emergenze, vicepresidente è Vincenzo Tresoldi della Croce Bianca di Milano e tra i consiglieri risulta il sig. Pizzolla Antonio presidente C.i.p.as.».

«La nascita della rete, non è solo un adempimento in base alle disposizioni di legge per la Riforma del Terzo Settore – afferma il presidente designato Alberto Corsinovi – ma vuole essere una contaminazione virtuosa con altre realtà che fanno la stessa nostra attività e che da sempre fanno carità. Tutti gli aderenti hanno trovato una casa per iniziare un cammino insieme, questo sicuramente ci porterà a trovare ideali, motivazioni ed anche entusiasmo per poter rispondere ai bisogni di oggi e di ieri con lo stesso spirito».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.