Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

‘Spese pazze’, viceministro alle Infrastrutture Edoardo Rixi condannato a 3 anni e 5 mesi

Disposta anche l'interdizione perpetua dai pubblici uffici

Genova. Il viceministro alle Infrastrutture della Lega, Edoardo Rixi, è stato condannato a 3 anni e 5 mesi in primo grado nell’ambito del processo noto come ‘Spese pazze’ in Regione Liguria. Lo scrive l’agenzia Agi. La sentenza della seconda sezione penale del tribunale di Genova, presieduta dal giudice Giuseppe Dagnino, ha inflitto una pena più grave di un mese rispetto alla richiesta del pm Francesco Pinto, che era stata di 3 anni e 4 mesi. Rixi, che non era in aula, rispondeva di peculato e falso. Per Rixi è stata disposta anche l’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Rixi era imputato assieme a 22 tra consiglieri ed ex consiglieri regionali della Liguria. Cinque i capi di imputazione a suo carico, due dei quali in concorso con ex consiglieri regionali: tra questi figura Francesco Bruzzone, oggi senatore della Lega. Secondo la Procura, il viceministro – che all’epoca era capogruppo della Lega in Regione – avrebbe approvato i rendiconti delle spese senza verificarne la congruenza con l’attività istituzionale.

Secondo l’accusa, i consiglieri regionali – nel periodo compreso tra il 2010 e il 2012 – si sarebbero fatti rimborsare cene, viaggi, gite al luna park, gratta e vinci, ostriche, fiori e spese per oggetti vari, spacciandole per spese istituzionali.

In alcuni casi, sempre secondo l’accusa, venivano consegnate ricevute che erano state dimenticate da ignari avventori, in altri venivano modificati gli importi a mano. Le pezze giustificative, molto spesso, facevano riferimento ai periodi delle festività natalizie, Pasqua, primo maggio, per questo “sospetti” agli occhi degli inquirenti.

Rixi si è dimesso dalla carica di viceministro alle Infrastrutture. Il leader della Lega Matteo Salvini ha accettato le dimissioni «unicamente per tutelare lui e l’attività del governo da attacchi e polemiche senza senso».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.