Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sicurezza, premiati due agenti di San Lorenzo al Mare e Vallecrosia alla prima Giornata regionale della polizia locale foto

Si tratta dell'agente Roberto Ressia e dell’assistente Ilenia Lanteri

Genova. Sono complessivamente 18 le onorificenze per meriti speciali, quattro delle quali ai Comandi di Genova, Milano, Torino e Livorno ‘per l’impegno, la professionalità e la dedizione dimostrati in occasione della tragedia che ha colpito la città a seguito del crollo del Ponte Morandi’, consegnate oggi durante la prima Giornata regionale della polizia locale, istituita da Regione Liguria con l’emendamento n.8 al ddl 229/2918 (Disposizioni collegate alla Legge di stabilità per il 2019) approvato nel dicembre scorso dal Consiglio regionale.

La data è stata individuata nell’ambito del Comitato tecnico consultivo di polizia locale ed è legata ad un avvenimento ben preciso: il 3 maggio del 1957 Papa Pio XII con Lettera Apostolica nominò San Sebastiano patrono della polizia locale.

Tra i premiati, anche l’agente Roberto Ressia, della polizia locale di San Lorenzo al Mare e l’assistente Ilenia Lanteri, della polizia locale di Vallecrosia: il primo per aver sventato un tentativo di suicidio dimostrando una ‘elevatissima dose di coraggio oltre ad un profondo senso di solidarietà e del dovere, nonché innegabili capacità professionali al servizio della collettività’, la seconda ‘per aver affrontato mentre era fuori servizio e con notevole sprezzo del pericolo, un noto pregiudicato resosi autore di un furto ai danni di un’anziana, assicurando il malvivente alla giustizia’.

«Questa giornata – afferma il presidente Giovanni Totiè dedicata a tutti coloro che svolgono questo lavoro con dedizione e impegno quotidiano: chi indossa una divisa e lavora a contatto con le persone è primo volto delle istituzioni di fronte ai cittadini. Quest’anno poi la Giornata della Polizia Locale ha un significato ancor più pregnante perché cade a pochi mesi dal crollo di ponte Morandi: sono orgoglioso di premiare non solo gli agenti che si sono distinti per meriti speciali ma anche i Comandi di Genova, Milano, Torino e Livorno per l’instancabile impegno profuso nell’immediatezza della tragedia e nei giorni e mesi successivi».

Proprio a seguito della tragedia, Regione ha stanziato 20mila euro a favore del Comune di Genova per progetti di sicurezza e formazione destinati ai nuovi agenti di Polizia locale assunti a tempo determinato per rispondere alle necessità legate all’emergenza.

«Siamo orgogliosi di celebrare questa giornata – aggiunge la vicepresidente e assessore alla Sicurezza Sonia Vialeche, istituita con un mio emendamento, diventa da quest’anno un appuntamento fisso per riconoscere il valore degli agenti di Polizia Locale e consolidare sempre di più il legame con la popolazione. In un sistema integrato che vede la sicurezza urbana quale elemento essenziale per la convivenza civile delle nostre comunità, è importante sottolineare il ruolo della Polizia Locale, in cui crediamo fortemente: per questo abbiamo destinato 1 milione di euro alla sicurezza urbana, anche per promuovere forme di integrazione e collaborazione tra i Comuni».

Tra i 14 agenti insigniti dell’onorificenza, 2 sono dell’imperiese (San Lorenzo al Mare e Vallecrosia), 6 del savonese (Albenga, Savona e Loano), 4 di Genova e 2 dello Spezzino (Sarzana e La Spezia). Inoltre tre sono donne. Alcuni hanno sventato tentativi di suicidio, per aver agito, anche fuori servizio, arrestando autori di reato (scippi, furti), per interventi di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti e all’abusivismo commerciale, per aver praticato le manovre di primo soccorso ad un uomo coinvolto in un incidente stradale salvandogli la vita, per aver salvato una turista che rischiava di annegare in mare.

Dati:

Nell’ambito delle attività dell’Osservatorio Regionale sulla Sicurezza Urbana, Regione Liguria, in collaborazione con Anci e con il supporto del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Genova, ha avviato nel marzo scorso una rilevazione sulla Polizia Locale, al fine di costruire una banca dati aggiornata. L’indagine ha interessato l’85% degli addetti nelle diverse polizie municipali (1708 unità).

Da una prima analisi dei dati, è emerso che il 26,4% dei Comandi locali conta più di 7 addetti ma il 34% dei Servizi di Polizia municipale è gestito da un singolo operatore. Il 37,4% dei Comuni svolge le attività previste in forma associata. Inoltre il 73% degli addetti è maschio, il 57,4% ha più di 50 anni e solo il 10% ha meno di 35 anni; solo il 10,4% ha un contratto a tempo determinato. Il 77% degli addetti è agente e solo il 6% degli addetti svolge attività esclusivamente amministrativa; il personale con funzioni di comando e responsabilità costituisce il 3,5% del totale. È emerso inoltre che la dotazione di autoveicoli è di un mezzo ogni 5,5 addetti e di una moto o di un motociclo ogni 13 addetti; ogni 18,8 addetti è disponibile un dispositivo per la rilevazione degli alcolici. L’82,4% dei Comuni gestisce direttamente sistemi di videosorveglianza.

Formazione e contrasto contraffazione Cude

Forte l’impegno di Regione anche sotto il profilo della formazione: a seguito dello sblocco del turn over per tutti i Comuni sopra i mille abitanti e in particolare delle assunzioni per il personale della Polizia Locale, Regioni Liguria e Lombardia hanno firmato un protocollo d’intesa con l’obiettivo di rafforzare la collaborazione sulla formazione soprattutto delle nuove leve, integrando così l’attività svolta dalla Scuola Interregionale di Polizia Locale di Modena, che, insieme all’Università degli Studi di Genova, organizza i corsi rivolti principalmente ai quadri e agli agenti già in servizio. Da questo punto di vista, è stata rafforzata la collaborazione con la Consulta regionale per l’Handicap per intensificare l’attività di contrasto alla contraffazione dei Cude, il Contrassegno unificato disabili europeo.

Dati:

Imperia: nel 2018 sono state elevate 218 sanzioni per sosta vietata sui posteggi disabili, 72 nel 2019. Tra il 2015 (anno di entrata in vigore del Cude) e il 2019, sono state effettuate 24 rimozioni e 6 ritiri di contrassegni per utilizzo improprio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.