Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Elezioni provinciali. Fratelli d’Italia diserterà il voto

«Queste elezioni vanno contro ogni principio democratico e sono basate sull’inciucio politico e non su programmi di governo per il territorio»

Imperia. Oggi a Imperia si vota per eleggere il presidente della Provincia e i suoi consiglieri, ma Fratelli d’Italia diserterà il voto. «Queste elezioni – dicono il coordinatore regionale Massimiliano Iacobucci e quello provinciale Fabrizio Cravero – vanno contro ogni principio democratico e sono basate sull’inciucio politico e non su programmi di governo per il territorio»

Fratelli d’Italia, per voce del coordinatore regionale Massimiliano Iacobucci, aveva già espresso totale contrarietà e disapprovazione circa la decisione del presidente della provincia Fabio Natta di indire le votazioni per l’elezione del Presidente della provincia di Imperia il giorno 11 maggio, una data antecedente alle elezioni amministrative del 26 maggio che non permette la partecipazione dei nuovi sindaci.

«Si tratta di una decisione scellerata e ben poco rispettosa del principio di democrazia – dichiara Iacobucci – Si è impedito, di fatto, ai Sindaci dei tanti comuni che tra pochi giorni andranno al voto, fra cui due comuni importanti come Sanremo e Ventimiglia, di candidarsi e di correre per un’eventuale elezione».

«La nostra Provincia non solo andrà al voto anticipato rispetto alle elezioni amministrative ed europee di domenica prossima solo per interessi politici – dichiara Fabrizio Cravero – ma ci sarà anche una lista unica e di conseguenza un candidato presidente unico, attuale segretario cittadino del Pd frutto di un accordo papocchio che vede partecipi un po’ tutti i partiti salvo Fratelli d’Italia e Lega che di questo accordo papocchio non hanno voluto farne parte. Ci dispiace per alcuni candidati consiglieri di centrodestra come il sindaco Giorgio Giuffra e Mario Conio ai quali sarebbe potuto andare il consenso di alcuni dei nostri consiglieri comunali ma il rispetto dei principi di partecipazione democratica e l’interesse per il territorio ci impongono di disertare le urne provinciali nella speranza che al più presto si possano ripetere le elezioni provinciali con la partecipazione di tutti i rappresentanti del territorio e possibilmente con un confronto tra i programmi per la nostra terra».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.