Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Condò (Sanremo Libera): «Criteri per l’assegnazione di sussidi agli stranieri, noi non molliamo il colpo»

Inoltrate segnalazioni alle pubbliche amministrazioni

Sanremo. Situazione patrimoniale degli stranieri, (comunitari ed extracomunitari) per ottenere i sussidi pubblici: la posizione di Alessandro Condò candidato sindaco di Sanremo Libera.

«Il Dpr 445/2000 – scrive Condò –  è il decreto che se applicato consente di verificare la situazione patrimoniale, tramite la richiesta di un certificato consolare,  di tutti i cittadini comunitari ed extracomunitari che, tramite autocertificazione, inoltrino domanda per ricevere sussidi e benefici nel nostro paese. Da questo fondamento, supportato da pareri più che qualificati, esattamente a febbraio dello scorso anno, in primis in qualità di cittadino e poi come coordinatore provinciale di partito, inoltrai al Comune di Sanremo e alla Procura della Repubblica d’Imperia, un esposto che proponeva di indurre la pubblica amministrazione a rispettare i regolamenti inerenti all’Isee e di verificare appunto la reale situazione patrimoniale degli stranieri, siano comunitari o extracomunitari. A sostegno di tale azione, allegai inoltre il parere in materia di assegnazione degli alloggi di edilizia popolare pubblica redatto dall’Unar, che diede ancora più forza a quanto sostenuto negli esposti.
Nostro malgrado, Il riscontro pervenuto, ha avuto ad oggetto risposte evasive e poco dettagliate, evidenziando ancor di più come l’atteggiamento di alcune pubbliche amministrazioni non garantisca verifiche e controlli a cui sono deputate, non tutelando i cittadini tutti. Apprendiamo con soddisfazione come nella campagna elettorale in corso, anche altre coalizioni politiche abbiano inserito, accodandosi quindi a quanto da noi fatto sino ad oggi, l’applicazione di tale decreto nei propri programmi per Sanremo. Non posso, anzi non possiamo, permetterci di mollare il colpo. Ed è per questo motivo che continueremo a richiedere e a batterci per quello che riterremo giusto, agevolati oggi anche dal fatto che la richiesta del certificato consolare per tutte le autocertificazioni, sia stata inserita nella legge sul reddito di cittadinanza recentemente approvata».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.