Quantcast

Cessione Imperia calcio, arriva la controfferta di Anas Riachi: parti distanti

L'imprenditore libanese: «Richiesta eccessiva da parte della società, ma confido che la trattativa possa andare in porto. Ho grandi progetti».

Imperia. Settantacinque mila euro da versare in una unica soluzione e 2.500 euro al mese per 6 anni  per l’affitto dei campi di Piani: è la controfferta di Lorenzo Anas Riachi (foto) il giovane imprenditore italo-libanese che intende rilevare la società di piazza D’Armi insieme all’ex stella neroazzurra Roberto Iannolo.

La “triade” dirigenziale formata dal presidente Fabrizio Gramondo, Daniele Ciccione e Fabio Ramoino, invece, non più tardi di sabato scorso ha inoltrato una proposta di 120 mila euro per il titolo sportivo (in tre rate da luglio a novembre) e di ulteriori 280 mila euro, cifra che non comprende, però, le strutture sportive dei Piani.

Una richiesta, dunque, che si aggira sui 400mila euro.

«Non faccio polemiche -dice Riachiperò non mi aspettavo una richiesta simile per una squadra di Eccellenza. L’offerta che abbiamo fatto noi a mio parere rispecchia il valore effettivo della società. Mi auguro che la trattativa andare in porto. Ho grandi progetti sia per il calcio che per la città».

La parti, dunque, rimangono distanti.