Emergenza ambientale

Camporosso, sversamento di gasolio nel torrente Nervia. Controllati tombini e capannoni industriali

Al lavoro carabinieri forestali, guardia costiera, Arpal e tecnici del Comune

Camporosso. Sono in corso da questa mattina i rilievi di carabinieri forestali, guardia costiera, Arpal e tecnici del Comune, con il vice sindaco Maurizio Morabito, i controlli lungo il torrente Nervia, nel quale dal tardo pomeriggio di ieri si riversa gasolio – come accertato da analisi in laboratorio –  che rischia di mettere a repentaglio la vita dei tanti volatili che vivono alla foce del corso d’acqua, oasi protetta.

Militari e tecnici hanno effettuato controlli in tutti i tombini di via Braie, la strada che corre parallela al torrente. Stando ai primi riscontri, sembra che la fuoriuscita di gasolio arrivi da una condotta all’altezza del campo Raul Zaccari. Accertamenti sono stati compiuti anche all’interno di capannoni industriali e officine meccaniche, ma nel corso delle verifiche non sarebbero emerse anomalie nello smaltimento di combustibile.

A causare la fuoriuscita del liquido, potrebbe essere stato un gesto involontario, dovuto alla falla di qualche cisterna di gasolio. Non si esclude, però, nemmeno l’ipotesi dolosa.

 

leggi anche
Camporosso sversamento gasolio torrente Nervia
Oasi protetta
Camporosso, sversamento di gasolio nel torrente Nervia
Camporosso sversamento gasolio
Camporosso
Sversamento di gasolio nel Nervia causato da lavaggio cisterna. Aperto fascicolo in Procura per inquinamento ambientale
Camporosso sversamento gasolio
Aggiornamenti
Camporosso, venti sospettati per l’inquinamento del torrente Nervia
commenta