Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Visita del ministro Rixi, Ance Imperia: «Abbiamo appreso la volontà di puntare sulle infrastrutture del Ponente Ligure»

«Non solo con il completamento dello svincolo dell’Aurelia Bis di San Martino ed il potenziamento della Genova-Ventimiglia, ma anche con investimenti su servizi di trasporto a persone per collegare l’Imperiese via mare»

Più informazioni su

Imperia. Abbiamo appreso ieri con piacere dell’intervento tenuto dal Vice Ministro alle Infrastrutture e Trasporti, Edoardo Rixi, la volontà di puntare sulle infrastrutture del nostro Ponente Ligure, non solo con il completamento dello svincolo dell’Aurelia Bis di San Martino ed il potenziamento della Genova-Ventimiglia, ma anche con investimenti su servizi di trasporto a persone per collegare l’Imperiese via mare.

L’iniziativa sta molto a cuore ad Ance Imperia, che lo scorso 21 giugno, nell’ambito della propria Assemblea annuale, ha presentato l’opportunità di rilanciare il settore e risolvere il problema viabilità pensando di utilizzare la strada del mare.
“E’ inutile ricordare a tutti come il traffico, tanto su gomma, quanto sulla via ferrata, nella nostra provincia, sia complesso, saturo, e come venga sottovalutata quella che è una delle più grandi risorse del nostro territorio, da ogni punto di vista: il mare” commenta il Geom. Enio Marino, Presidente di Ance Imperia “un servizio di trasporto nautico lungo le coste della nostra provincia rappresenterebbe una soluzione alternativa, molto ben inserita nello sviluppo portuale, offrendo diversi vantaggi sia agli abitanti sia e soprattutto ai turisti. Inoltre, grazie ad un servizio di questo tipo, si offrirebbe l’opportunità di integrare le attività turistiche, con la scoperta della pista ciclabile, del parco costiero, del nostro entroterra, nonché di far risaltare tutte le prerogative del territorio dal punto di vista storico, culturale ed enogastronomico. Tutto ciò alimenterebbe e
favorirebbe la circolazione, comportando ricadute positive anche sul nostro settore: sarebbe ad esempio necessario realizzare adeguanti punti di sbarco, agevolati dalla presenza dei numerosi porti lungo il tracciato, potenziare la ricettività a terra, nonché prevedere nuovi parcheggi per accogliere l’utenza”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.