Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ventimiglia, candidato Lega replica a ‘collega’ di Forza Italia su circolazione targhe estere

Massimo Giordanengo risponde a Roberto Parodi: «Lega ha fiducia nel Governo»

Più informazioni su

Ventimiglia. Nella giornata di ieri il Viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Edoardo Rixi ha incontrato la cittadinanza in visita nell’estremo ponente ligure e tra i diversi argomenti è intervenuto sulla questione della circolazione delle targhe estere sul suolo italiano. La nuova norma che prevede un giro di vite sui “furbetti” che utilizzano l’escamotage al solo scopo di eludere il pagamento di multe, bolli e assicurazioni rischia di diventare tuttavia un problema per i frontalieri che lavorano con mezzi della propria ditta o del titolare targati Monaco (Paese fuori dallo Spazio Economico Europeo).

Per questa ragione il Viceministro Rixi ha assicurato che per quanto concerne Svizzera, Monaco e San Marino si lavorerà, in collaborazione con gli altri ministeri, per correggere gli effetti collaterali di una normativa che tuttavia ha una ratio assolutamente giusta. «Sono molto soddisfatto che ci sarà attenzione sulla questione da parte del Governo – ha apprezzato il candidato Lega Ventimiglia Massimo Giordanengo – perché è chiaro che ci sia la forte intenzione di perfezionare la norma con le correzioni del caso che interessano da vicino anche i cittadini di Ventimiglia».

Sul punto nella giornata di ieri è intervenuto anche il candidato Forza Italia Roberto Parodi proponendo come soluzione una deroga sulla fascia dei 20 km dalla frontiera. Un espediente che però non può essere preso in considerazione per le diverse dinamiche e condizioni geografiche che interessano gli altri due stati in questione Svizzera e San Marino e per questo si è dichiarato deluso. «Dispiace sapere che un collega candidato di Forza Italia sia rimasto insoddisfatto dall’incontro con l’on. Rixi – ha aggiunto Giordanengo – ma a livello nazionale bisogna tenere in considerazione tutta una serie di fattori in gioco perché sarebbe poco efficace una soluzione che risolva il problema solo per metà. Noi della Lega abbiamo estrema fiducia che il Governo continuerà a lavorare bene come già sta facendo e sarà in grado di valutare quale strumento giuridico attuare per bilanciare i principi di legalità della nuova legge da un lato, e le problematiche dei frontalieri dall’altro».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.