Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vallecrosia consegna la cittadinanza onoraria a don Umberto Collecchia fotogallery

Nato a Genova, ma originario di Rocchetta Nervina, il sacerdote è morto il 16 agosto del 2018, giorno del santo patrono

Vallecrosia. E’ stata consegnata oggi dal consiglio comunale di Vallecrosia, unitamente a quello dei Ragazzi, la cittadinanza onoraria postuma al canonico don Umberto Collecchia. A proporre il riconoscimento per una persona definita ‘esemplare’ per il suo contributo alla collettività è stato il parroco don Antonio Robu, successore di don Umberto.
A consegnare al fratello del sacerdote il riconoscimento sono stati il sindaco Armando Bosio e il sindaco del consiglio comunale dei ragazzi Mattia Ferrari di Perinaldo, insieme al suo presidente del consiglio comunale Emanuele Bettonagli di Vallecrosia.

Vallecrosia consegna cittadinanza onoraria don Umberto Collecchia

Umberto Collecchia era nato a Genova il 6 settembre 1936 ed era figlio di una Guardia di Finanza che prestava servizio a Rocchetta Nervina dove conobbe e sposò una giovane del posto: nacque così Umberto che espresse fin da bambino la sua vocazione. Fu ordinato sacerdote giovanissimo, il 14 marzo 1959. Don Umberto soleva spesso ricordare i suoi genitori e portarli ad esempio per l’amore di coppia, verso i figli e il prossimo. Come incarichi principali di Don Umberto ricordiamo quello di Segretario del Vescovo dal 1962 al 1975 e, dal 1975 al 1986, quello molto prestigioso di Rettore del Seminario; divenne poi Canonico della Cattedrale e, dal 1991 al 2017, anche Parroco di San Rocco in Vallecrosia, diventato poi Parroco Emerito fino alla morte avvenuta proprio il giorno della commemorazione del San Patrono Rocco il 16 Agosto 2018.

Le motivazioni della cittadinanza: «Sono emerse in fase istruttoria moltissime testimonianze sulle virtù personali e religiose di Don Umberto Collecchia, stimato sia da credenti che da non credenti, che in tanti anni si è prodigato con estrema umiltà per i poveri, i sofferenti e i bisognosi di assistenza sia materiale che morale, senza mai risparmiarsi, tanto da ritenere che l’intera sua vita fosse totalmente votata al bene del singolo assistito come della Comunità dove operasse, il Consiglio Comunale di Vallecrosia unanime concede la Cittadinanza Onoraria postuma il 5 Aprile 2019».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.